fbpx

Pil Italia, previsioni in crescita

Economia e Finanza

 La Commissione Ue rivede al rialzo le stime di crescita dell’Italia: il Pil nel 2021 sale a +5% e nel 2022 al 4,2%. Cifre significativamente superiori a quelle della primavera (+4,2 e +4,4%), per la “risposta dell’attivita’ economica piu’ forte del previsto dopo l’allentamento delle restrizioni e della mobilita’”. Per tutti nell’Unione il ritorno ai livelli pre-pandemia e’ previsto al piu’ tardi nel terzo trimestre 2022, dice Gentiloni. Secondo l’Ocse, in Italia il tasso di occupazione tornera’ ai livelli 2019 solo nel terzo quadrimestre del 2022, e preoccupa l’aumento del tasso di disoccupazione giovanile. 

“Il Pil dell’Italia è previsto in crescita del cinque per cento nel 2021 e del 4,2 per cento nel 2022. Le previsioni per il 2021 sono molto più elevate rispetto a quelle della scorsa primavera perché le attività economiche hanno reagito meglio del previsto” anche a seguito della “riduzione delle limitazioni alla attività delle aziende e alla mobilità, grazie ad investimenti pubblici e privati”. Per questo motivo le attività economiche italiane “stanno andando avanti e continueranno a farlo”. Lo ha annunciato oggi il commissario europeo per l’Economia, Paolo Gentiloni, nella conferenza stampa di presentazione delle stime economiche estive. “Si prevede che il Pil dell’Ue torni al suo livello pre-crisi già nell’ultimo trimestre del 2021, ma resterà al di sotto del livello previsto prima della pandemia”, ha aggiunto Gentiloni, che illustrando ulteriori dati ha sottolineato che “si prevede che tutte le economie degli Stati membri raggiungano o superino i livelli di Pil pre-pandemia al più tardi nel terzo semestre del 2022 e molti lo faranno già alla fine di quest’anno”.

Redazione Corriere Nazionale


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE