fbpx

Primo giorno di SuperLega: la New Mater esce sconfitta con onore

Sport & Motori

 

 

 

 

 

 

 

Antonio Valenza

Si è disputata ieri al PalaPanini di Modena la prima giornata del massimo campionato di pallavolo maschile tra Azimut Modena e New Mater. Il Modena parte avvantaggiato in quanto milita nella massimo campionato da moltissimo tempo, mentre per la New Mater si è trattato di un ritorno in Superlega ma dopo quasi un decennio.

Il Modena scende in campo con Bruno al palleggio, Ngapeth e Urnaut in posto 4, Sabbi opposto, Holt, Mazzone centrali, Rossini libero. Il ritorno del palleggiatore brasiliano campione olimpico è quasi una vittoria per il Modena, il pubblico appena sente pronunciare dallo speaker il nome Bruninhno lo omaggia con una ola. La New Mater si affida al sestetto composto da Hebda e Moreira in banda, De Togni e Costa centrali, Tzioumakas opposto, Paris al palleggio, Cavaccini libero.

Il primo set inizia con una BCC che sembra non avere alcuni timore reverenziale verso Modena, Moreira schiaccia con tutta la forza e porta la sua squadra sul 2-3. Il Modena non perde la concentrazione e inizia a far salire la percentuale a muro, portandosi sul 10-7, costringendo così il c.t. Lorizio della BCC ha chiamare il primo time-out. L’opposto di Modena, Giulio Sabbi, da manforte ai suoi compagni sia in fase di attacco che al servizio, portando la squadra di casa sul 14-10, mandando in tilt la BCC. Sul punteggio di 17-11 per i modenesi, il c.t. Lorizio è costretto a chiamare il secondo time out, ma non cambiano le sorti del primo set, che si chiude col punteggio di 25-16 in favore dei padroni di casi.

Nel secondo set il c.t. Lorizio decide di schierare Canuto al posto di Hebda, l’avvio è uguale a quello del primo set, ma appena il Modena si porta in battuta iniziano i problemi per la BCC. A rompere gli equilibri per Modena è sempre Sabbi, che porta i suoi sul punteggio di 9-5. Nonostante i molteplici sforzi della New Mater sul tabellone il punteggio sembra non premiarli, il Modena si porta sul punteggio di 18-11, spegnendo ogni tentativo di rimonta. C’è spazio per qualche cambio nelle fila del Modena, Ngapeth lascia il posto a Van Garderen, quest’ultimo mura l’attacco della BCC è conquista la vittoria del secondo set col punteggio di 25-15.

Nel terzo set la New Mater sembra aver trovato la giusta dimensione, risponde punto su punto, migliora anche in difesa e commette meno errori al servizio. Il pubblico assiste ad una serie di azioni spettacolari, Tzioumakas con i suoi colpi in attacco costringe il c.t. di Modena a chiamare il primo time out, il tabellone segna il punteggio di 18-19 in favore della BCC. Al ritorno in campo Modena grazie all’attaco di Ngapeth si porta sul 23-22, cambio nelle fila modenesi, Urnaut cede il posto a Van Garderen, che con il suo servizio regala il 24-22. La BCC non demorde, resta attaccata al pallone, Moreira riporta la parità 24-24, ma Le Roi Ngapeth per Modena prima e l’attacco out della BCC dopo segnano la fine del terzo e ultimo set, il tabellone segna 26-24 per i padroni di casa.

Non si poteva pretendere un risultato diverso, l’avversario della BCC è uno dei favoriti per la corsa scudetto, è il momento di archiviare la sconfitta e pensare alla gara di domenica 22 ottobre contro il Latina, allenata dal c.t. Vincenzo Di Pinto.

Al termine della gara i due c.t. hanno commentato la prestazione della propria squadra, il primo a prendere parola è stato Stoytchev (Modena): “Abbiamo giocato due set molto buoni con Castellana che era sottotono. Nel terzo parziale loro hanno iniziato a rischiare e abbiamo avuto alcune incertezze, dovevamo creare più opportunità per il contrattacco e non ci siamo riusciti. Non sono preoccupato di ciò che abbiamo fatto nel terzo parziale, è normale e giusto che la squadra si abitui a soffrire. Per il futuro dobbiamo migliorare muro, difesa e contrattacco, che è quello che ci servirà per fare il salto di qualità”.  Secondo il c.t. Lorizio (New Mater): “I primi due set sono stati condizionati molto dalla battuta di Modena che ha forzato tanto ed abbiamo subito tantissimo, ce la siamo giocati nel cambio palla, ma eravamo in grande difficoltà come è plausibile quando affronti una squadra del genere. Nel terzo si è visto che Castellana c’è, che sa soffrire e giocare un buon volley, loro sono calati un po’ in battuta e siamo venuti fuori. E’ stata una gioia e un divertimento giocare a Modena davanti a 4mila tifosi. Sono assolutamente soddisfatto della prova dei miei ragazzi, non potevo chiedere di più”


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE