fbpx

Primo summit talebani-Usa dopo il ritiro dall’Afghanistan

Mondo

Non si tratta di un riconoscimento ufficiale ma il vertice di due giorni riapre un dialogo  

© EYEPRESS NEWS / EYEPRESS VIA AFP
– La delegazione di alto livello dei talebani all’arrivo a Doha

I talebani hanno incontrato una delegazione degli Stati Uniti in Qatar, nel primo incontro faccia a faccia dopo il ritiro degli Stati Uniti dall’Afghanistan alla fine di agosto, e hanno chiesto “relazioni positive” oltreché lo sblocco dei fondi internazionali.

li incontri proseguiranno domani.

La delegazione americana – con uomini dell’intelligence, di Usaid, l’agenzia statunitense per la cooperazione allo sviluppo e del Dipartimento di Stato – farà pressioni sui talebani per garantire che prosegua il flusso di stranieri (cittadini americani e non) che vogliono lasciare il Paese e per la liberazione di Mark Frerichs, uno statunitense rapito.

Un’altra priorità assoluta sarà ottenere l’impegno dei talebani affinché non facciano diventare, nuovamente, l’Afghanistan un ricettacolo di al Qaeda o altri gruppi estremisti, e allo stesso tempo di migliorare l’accesso agli aiuti umanitari proprio nel momento in cui sembra inevitabile l’arrivo di una fortissima recessione economica, hanno riferito funzionari statunitensi. 

Il rappresentante speciale degli Stati Uniti, Zalmay Khalilzad, che per anni ha guidato il dialogo tra Usa e talebani ed è stato una figura chiave nei colloqui di pace, non fa parte della delegazione. Il team statunitense include invece il vice rappresentante speciale del Dipartimento di Stato Tom West e Sarah Charles, principale funzionario umanitario dell’Usaid. Da parte talebana, saranno presenti funzionari del governo. 

“Questo incontro è una continuazione degli impegni presi con i talebani che abbiamo su questioni di vitale interesse nazionale”, ha detto un alto funzionario dell’amministrazione Usa. 

“L’incontro non prevede alcun riconoscimento né il conferimento di legittimità al governo. Resta chiaro che qualsiasi legittimità dovrà essere guadagnata con i fatti da parte dei talebani. Devono dare prova di affidabilità”, ha detto il funzionario.

L’occupazione dell’Afghanistan da parte degli Stati Uniti, durata due decenni, è terminata in una evacuazione aerea organizzata frettolosamente lo scorso agosto che ha coinvolto oltre 124.000 civili tra americani, afgani e altre etnie nel momento in cui i talebani hanno preso il sopravvento. Ma migliaia di altri afghani alleati degli Stati Uniti sono stati lasciati nel paese e sono a rischio di persecuzione .

Dal canto loro i talebani hanno promesso di essere più inclusivi rispetto agli anni 1996-2001 quando hanno guidato il paese. Gli Stati Uniti hanno sottolineato diverse volte che giudicheranno il nuovo governo talebano in base ai fatti e non alle parole.

 “Faremo sicuramente pressione sui talebani affinché rispettino i diritti di tutti gli afgani, comprese le donne e le ragazze, e formino un governo inclusivo con ampio sostegno”, ha detto un funzionario statunitense aggiungendo che ci sono discrepanze tra le promesse dei talebani e quanto stanno facendo, perché “l’attuazione dei loro impegni non è uniforme”, ha spiegato il funzionario.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE