fbpx

Quadrante: Severodonetsk è isolata, distrutti i ponti

Mondo

Pubblicato da:

alle ore: 03:24

Non c’è via d’uscita per i circa dieci mila civili rimasti a Severodonetsk e per i militari che ancora resistono all’interno dello stabilimento chimico Azot-

di Francesco Russo

© Viktor Antonyuk / Sputnik / Afp
– Carro armato delle forze filo-russe a Severodonetsk

 

AGI – Severodonetsk è isolata. L’intelligence militare britannica ha confermato che sono saltati tutti i ponti sul fiume Severskiy Donets che collegavano il centro amministrativo del brandello di Lugansk ancora in mano agli ucraini alla vicina Lysychansk, a Ovest del corso d’acqua.

Con il resto delle aree circostanti in mano al nemico, non c’è quindi via d’uscita per i circa 10 mila civili rimasti in città e per i militari che ancora resistono nello stabilimento chimico Azot dove, secondo i separatisti filorussi, sono bloccati senza alcuna scelta se non arrendersi o morire.

Nei bunker della fabbrica sono presenti, inoltre, alcune centinaia di civili. Mosca ha accusato Kiev di aver bloccato la loro evacuazione che era stata disposta attraverso un corridoio umanitario.

“L’esercito russo perde centinaia di combattenti ma trova riserve e continua a distruggere Severodonetsk”, ha dichiarato il governatore ucraino del Lugansk, Sergiy Gaidai, “ma i nostri soldati tengono la difesa”.

Dopo giorni di feroci combattimenti strada per strada, i russi non sono quindi ancora riusciti a prendere il controllo completo di Severodonetsk e, secondo l’Institute for the Study of War, le operazioni offensive lungo l’autostrada da Bakhmut a Lysychansk non sono riuscite a tagliare le linee di comunicazione terrestri ucraine verso quest’ultima città.

Nel Donetsk, l’altra Oblast del Donbass conteso, le forze russo hanno continuato gli sforzi per avanzare lungo l’autostrada E40 fino a Slovyansk e a Sud-Est di Izyum, segnala ancora il think tank americano.

Negli insediamenti a Nord Est di Kharkiv proseguono intanto i combattimenti, con le forze russe impegnate a mantenere le posizioni per scongiurare una nuova controffensiva fino alla frontiera.

Le truppe del Cremlino stanno inoltre continuando a fortificare le posizioni di retroguardia a Zaporizhia e nella regione di Kherson, anche questi obiettivi nelle scorse settimane di contrattacchi ucraini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Traduci

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

Facebook
Twitter
Instagram
YouTube