fbpx

Randagismo,Anzaldi:tavolo per soluzioni

Attualità & Cronaca

“Il problema randagismo va gestito, non si può continuare a fare finta di nulla. Parliamo di centinaia di migliaia di cani, una parte dei quali sono ospitati con costi esorbitanti in canili lager, condannati ad un vero e proprio ergastolo. Il Governo, le Regioni, i Comuni devono aprire un tavolo specifico su questa questione e mettere in campo soluzioni. La tassa per chi non sterilizza il cane può essere una soluzione, ce ne sono delle altre, l’importante è che si faccia qualcosa”. E’ quanto dichiara il deputato di Italia Viva Michele Anzaldi in un’intervista a “Globalist”.

“Purtroppo scarseggiano – prosegue Anzaldi – i numeri ufficiali, ma basti pensare che solo nel 2020 i cani entrati in strutture come canili sanitari e canili rifugio sono stati circa 120mila. Calcolando un costo medio di 7mila euro a cane all’anno, parliamo di 840 milioni. Se poi tutti i cani randagi presenti in Italia, appunto i 500-700mila esemplari di cui si parla, fossero ospitati nelle strutture in modo da evitare rischi per l’incolumità dei cittadini, i costi schizzerebbero a 4-5 miliardi all’anno. Una cifra enorme. Ecco perché è urgente che il fenomeno sia gestito”.

“Ormai da anni non si fa nulla – dichiara ancora il deputato Iv – per gestire questo fenomeno sempre più in aumento, come non si fa nulla o quasi per i cinghiali nelle città, per i topi. Le amministrazioni pubbliche non possono continuare a nascondersi, ogni giorno leggiamo sui giornali di aggressioni contro persone da parte di animali incattiviti o lasciati liberi nelle nostre città senza controllo. E la soluzione non può essere rinchiudere per anni, se non per sempre, i cani randagi nei canili, delle vere e proprie prigioni, luoghi di tortura spesso con fine pena mai”.© 9Colonne


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE