fbpx

Rifiuti: Adriano Pistilli spiega la differenza tra compostaggio aerobico ed anaerobico

Ambiente & Salute

La frazione umida/organica dei rifiuti urbani può essere degradata, stabilizzata ed eventualmente trasformata in fertilizzante in due modi: aerobico e anaerobico.

L’aerobico demolisce la sostanza organica in modo naturale e non produce gas combustibili. Si produce un fertilizzante che può essere impiegato in agricoltura essendo un compost di qualità.

L’anaerobico agisce a caldo, con produzione di biogas (bruciato per ottenere energia termica e/o elettrica) e di percolato. Il rifiuto rimanente, chiamato digestato, verrà poi stabilizzato in modo aerobico e darà origine a un prodotto che viene chiamato compost, ma che ha una composizione chimica e una qualità nettamente inferiore al vero compost aerobico, oppure genera un nuovo rifiuto da portare ancora in discarica.

Adriano Pistilli

Responsabile Tecnico Gestione Rifiuti, esperto di Diritto Ambientale


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE