fbpx

Rinnovo delle Commissioni della Conferenza delle Regioni: la soddisfazione di presidenti ed assessori

Politica

Commenti positivi da parte di molte Regioni per il nuovo assetto delle Commissioni ed il rinnovo dell’Ufficio di Presidenza della Conferenza delle Regioni, definiti nella riunione straordinaria.

Sanità, Affari europei e protezione civile: la Regione Emilia-Romagna conferma il proprio ruolo centrale all’interno della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome, che oggi a Roma ha definito il nuovo assetto delle commissioni interne. Coordinatore della Commissione Salute – si legge in una nota diffusa dalla Regione – è stato nominato Raffaele Donini, assessore regionale alle Politiche per la salute.

La vicepresidente della Regione, Elly Schlein, è stata nominata coordinatrice vicaria della Commissione Affari europei e internazionali della Conferenza, mentre l’assessora Irene Priolo è stata nominata coordinatrice vicaria della Commissione Protezione civile. “Nel momento in cui siamo chiamati come Paese a sconfiggere definitivamente la pandemia, in primo luogo portando ai massimi giri una campagna vaccinale senza precedenti, il coordinamento della Commissione Salute rappresenta un riconoscimento del lavoro che stiamo facendo in Emilia-Romagna, delle professionalità e delle competenze che possiamo condividere con le altre Regioni, facendo squadra insieme al Governo- afferma il presidente Stefano Bonaccini-.

Allo stesso modo, ora che l’Italia è impegnata nel confronto con la Commissione Europea sia sul PNRR sia sulla nuova programmazione 2021-2027 dei fondi europei, è fondamentale la Commissione Affari europei, anche per il ruolo che Regioni e autonomie territoriali devono avere su investimenti e progetti coi quali costruiremo il futuro. Così il tema della Protezione civile, fondamentale per la stessa campagna vaccinale, e ovviamente nell’opera di messa in sicurezza del territorio e di intervento in situazioni di emergenza”.

“Sono certo che Raffaele Donini, Elly Schlein e Irene Priolo faranno un ottimo lavoro- chiude Bonaccini- insieme al presidente della Conferenza, Massimiliano Fedriga, che ringrazio per l’equilibrio e la volontà di arrivare a scelte condivise, con l’obiettivo di perseguire la massima unità e collaborazione istituzionale, le stesse necessarie per uscire dalla crisi e far ripartire il Paese”.

Il Presidente della Provincia autonoma di Bolzano, Arno Kompatscher, è stato nominato coordinatore per le Autonomie all’interno della Commissione affari Istituzionali, coordinata nel suo complesso dalla Regione Piemonte. In questo ruolo il Presidente Kompatscher fungerà da portavoce delle istanze delle Regioni a Statuto Speciale e delle Province Autonome all’interno della Conferenza delle Regioni e delle Province Autonome e nei rapporti della Conferenza con il Governo su questi specifici temi. Soddisfatto il Presidente Kompatscher. “Questo ruolo – spiega – è un’assunzione di responsabilità da parte della nostra Provincia e, quindi, della nostra autonomia”.

La vice presidente e assessore al Welfare di Regione Lombardia, Letizia Moratti, sul suo profilo Twitter, si dice onorata di rappresentare la Regione Lombardia da oggi come vice coordinatore della Commissione Salute della Conferenza delle Regioni. “Un ulteriore impegno che riconosce il ruolo da protagonista della Lombardia nella sanità italiana”.
Importante riconoscimento per l’Abruzzo e per il presidente Marco Marsilio nell’ambito della Conferenza delle Regioni.

E’ stato infatti eletto il nuovo Ufficio di Presidenza che vede il presidente Marsilio tra i componenti che affiancano Massimiliano Fedriga, presidente della Conferenza. Nell’ambito del rinnovo delle Commissioni all’Abruzzo viene confermata la presidenza della Commissione Politiche per il Turismo, che da “speciale” viene promossa in “permanente”, nella persona dell’assessore regionale Daniele D’Amario.

Rispetto all’organigramma precedente all’Abruzzo viene anche assegnato il ruolo di coordinatore vicario della Commissione Istruzione, Università e ricerca di cui si occuperà l’assessore regionale Pietro Quaresimale.”Sono onorato – ha detto Marsilio – di poter assumere per conto della mia Regione un ruolo così prestigioso nell’ambito della Conferenza delle Regioni, e ringrazio il Presidente Fedriga per la fiducia che mi ha dimostrato proponendomi nell’Ufficio di Presidenza.

Il ruolo crescente dell’Abruzzo è dimostrato anche dall’accresciuta responsabilità nella conduzione delle Commissioni. A tal proposito, sono sicuro che gli assessori D’Amario e Quaresimale sapranno essere all’altezza del loro compito”. L’assessore della regione Abruzzo, Pietro Quaresimale, coordinatore vicario della Commissione Istruzione, Università e Ricerca della Conferenza delle Regioni, si dice “felice per questa nomina perché è stata fatta tenendo da conto gli interessi dell’Abruzzo.

Ringrazio il presidente della Conferenza, Massimiliano Fedriga, per la fiducia che mi ha voluto accordare. Il mio impegno sarà massimo – ha aggiunto l’assessore – in un settore vitale per la crescita economica del paese e dell’Abruzzo, nel quale le Regioni sono chiamate a svolgere una funzione essenziale di raccordo tra il territorio e il governo nazionale. Ci attende un lavoro importante e delicato, alla luce anche della programmazione in vista della ripresa economica post pandemia”.

  L’Abruzzo rimane poi a capo della Commissione Turismo nella Conferenza delle Regioni. Il presidente della Conferenza, Massimiliano Fedriga, ha infatti confermato l’assessore al Turismo, Daniele D’Amario, coordinatore nazionale degli assessori regionali al Turismo, rafforzando il ruolo politico e esecutivo della commissione Turismo che da commissione speciale è diventata permanente. “Si tratta di un risultato politico importante per l’Abruzzo – ha detto l’assessore al Turismo Daniele D’Amario – soprattutto perché la commissione non ha più carattere di specialità ma entra nella struttura organizzativa della Conferenza delle Regioni con un peso politico differente e più rilevante. La conferma dell’Abruzzo a capo della commissione Turismo è la testimonianza della bontà del lavoro fin qui svolto, ma anche della cifra politica dell’Abruzzo in ambito nazionale.

La commissione Turismo negli ultimi anni – prosegue l’assessore – ha assunto un’importanza politica rilevante, entrando nelle decisioni più importanti in materia di politiche turistiche. Lo ha fatto rispettando sempre i ruoli e dando spazio ad ogni forma di confronto”.  
L’assessore Francesco Cupparo è stato nominato coordinatore della Commissione Sport e coordinatore vicario della Commissione per lo Sviluppo Economico delle Regioni. Le nomine sono avvenute ieri da parte della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome che ha aggiornato le funzioni di Coordinatore e Coordinatore vicario delle proprie Commissioni.
Per la Commissione Sport le materie delegate sono: Ordinamento sportivo, promozione ed organizzazione delle attività sportive, impiantistica, eventi sportivi internazionali (coordinatore Vicario: Sardegna).

Per la Commissione per lo Sviluppo Economico le materie delegate sono: Industria, commercio, sistema fieristico, mercati, internazionalizzazione delle imprese, attrazione investimenti esteri, artigianato, sostegno all’innovazione per i settori produttivi (ricerca applicata alle nuove tecnologie), liberalizzazioni, semplificazione per le imprese, Zone Economiche Speciali (ZES), EXPO internazionali (coordinatore: Regione Marche).

All’Assessore Cupparo oltre alla nomina da vicario è stata attribuita la delega permanente nelle materie internazionalizzazione delle imprese e Attrazione investimenti esteri. “Ringrazio il Presidente Bardi che, con la proposta di candidatura alle Commissioni, ha sostenuto il riconoscimento di un ruolo significativo per la nostra Regione e i Presidenti delle Regioni per le nomine ricevute che – ha detto Cupparo – riguardano settori di grande rilievo e che richiedono un impegno particolare, con una stretta sinergia tra le Regioni, per affrontare le problematiche della pandemia con i ben noti riflessi sulle attività economiche e sportive.

Per la Basilicata che in precedenza era rappresentata solo con due coordinatori vicari – aggiunge – è un’ulteriore testimonianza della qualità del lavoro che il Presidente Bardi sta svolgendo nella Conferenza delle Regioni e che ci proietta verso l’assunzione di nuove responsabilità istituzionali”.

“La Conferenza delle Regioni ha proceduto a rinnovare l’Ufficio di presidenza del quale è entrato a far parte il presidente della Regione Molise, Donato Toma. Affiancherà i colleghi Fedriga, Emiliano, Giani e Marsilio. Sono state anche aggiornate le funzioni di coordinatore e coordinatore vicario delle diverse Commissioni. Al Molise è toccato il vicariato della Commissione Politiche sociali. “Accolgo con piacere – le dichiarazioni a caldo di Toma – i nuovi incarichi che la Conferenza ha inteso assegnarmi e ringrazio per la fiducia accordatami.

Non si tratta tanto di una soddisfazione personale, quanto di un attestato di stima nei confronti del Molise. La Conferenza è un presidio di democrazia, confronto, proposizione, che negli anni ha avuto un ruolo fondamentale per rappresentare allo Stato le esigenze e i bisogni dei territori. Il mio impegno continuerà a essere assiduo e partecipato nell’esclusivo interesse dei molisani”.
“Inizia oggi una nuova sfida grazie all’incarico come Coordinatore della Commissione per la Innovazione tecnologica e la Digitalizzazione della Conferenza delle Regioni. Una nomina strategica per la Regione Umbria, che mi vedrà impegnato nei temi che da sempre mi appassionano e che oggi, più che mai, sono fondamentali per la ripresa e lo sviluppo del nostro Paese”.

Così l’assessore regionale allo Sviluppo economico, Michele Fioroni, evidenzia l’importanza dell’incarico ricevuto, in un post sulla sua pagina Facebook. “La transizione della PA, la digitalizzazione di imprese e Terzo Settore, il sostegno ad un’economia sempre più ‘data-driven’ – sottolinea -, sono solo alcune delle sfide che le Regioni sono chiamate ad affrontare e su cui concentrerò il mio lavoro come coordinatore. Assumo questo incarico con forte entusiasmo e senso di responsabilità, consapevole – afferma l’assessore Fioroni – che il digitale e l’innovazione siano le partite che non possiamo permetterci di perdere e sono grato che la nostra Regione avrà questo ruolo chiave nella squadra che sosterrà la transizione 4.0”.

Le Marche, già in questo ruolo nel precedente organigramma,  sono state riconfermate al coordinamento della Commissione sviluppo economico e rappresentate quindi dall’assessore regionale alle Attività produttive, Mirco Carloni. Un ruolo importante e di grande responsabilità soprattutto in questa fase di ripartenza dell’economia e alla luce del Piano nazionale di ripresa e resilienza.  La commissione si occupa, infatti, di numerose materie: Industria, commercio, sistema fieristico, mercati, internazionalizzazione delle imprese, attrazione investimenti esteri, artigianato, sostegno all’innovazione per i settori produttivi (ricerca applicata alle nuove tecnologie), liberalizzazioni, semplificazione per le imprese, Zone Economiche Speciali (ZES), EXPO internazionali.

Assegnati alla Regione Liguria gli incarichi di coordinamento e coordinamento vicario di tre commissioni all’interno della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome, di cui è stato definito oggi il nuovo assetto. In particolare, l’assessore ligure alla Cultura Ilaria Cavo è stata nominata coordinatrice della Commissione Cultura, che ha il suo interno la valorizzazione dei beni culturali, promozione e organizzazione di attività culturali, spettacolo, cinema e audiovisivo, musei e biblioteche regionali, patrimonio culturale storico e artistico. L’assessore al Personale Simona Ferro è stata nominata coordinatrice vicaria della commissione Affari Istituzionali e Generali con delega permanente alle politiche del personale. 

Marco Scajola è stato confermato coordinatore vicario della Commissione Infrastrutture, Mobilità e Governo del territorio con delega permanente nelle materie di edilizia ed edilizia residenziale pubblica. “Ringrazio il presidente Toti per la designazione e tutta la conferenza dei Presidenti per la fiducia accordata – afferma l’assessore Ilaria Cavo, neo coordinatrice della Commissione Cultura della Conferenza delle Regioni – Mi impegnerò a esercitare questo ruolo di coordinamento con la precisione unita alla tempestività e incisività che il mondo della cultura e dello spettacolo soprattutto in questo momento richiedono.

Insieme agli assessori delle altre regioni, nel confronto e dialogo con il governo, porteremo avanti la sfida delle riaperture e dello sviluppo per un settore fermo da mesi. All’ordine del giorno un imminente confronto sulla legge delega per la riforma dello spettacolo, con un’attenzione, anche in ascolto delle associazioni di categoria, al sostegno economico dei lavoratori e un confronto sui fondi del Pnrr dedicati alla cultura e alla progettualità dei territori: tanti obiettivi tra loro collegati per fare della cultura davvero un volano di ripartenza per le nostre regioni e per la nostra Liguria”. “Sono lieto di essere stato confermato – afferma l’assessore Marco Scajola – come Coordinatore vicario della Commissione Infrastrutture, Mobilità e Governo del territorio. Inoltre, rispetto alla scorsa legislatura, è stata conferita alla Liguria la delega permanente all’edilizia ed edilizia residenziale pubblica, entrambi ambiti che mi stanno particolarmente a cuore. In questo momento, stimolare la ripresa dell’intero comparto edile è fondamentale per far ripartire il nostro Paese. L’edilizia residenziale pubblica è un settore che necessita di una nuova visione, moderna, che veda al centro il recupero di alloggi esistenti e la creazione di nuovi appartamenti, intervenendo sull’esistente in un’ottica di riqualificazione urbana ed edilizia diffusa sul territorio.

Sono certo che grazie al lavoro di squadra con le altre Regioni riusciremo ad ottenere risultati importanti, in un confronto costante con il Governo”. “È per me un onore ricevere il prestigioso incarico di coordinatrice vicaria della commissioni Affari Istituzionali e Generali che implica la delega permanente alle politiche del personale – commenta l’assessore Simona Ferro – la grande sfida del prossimo futuro sarà quella di coniugare l’esperienza dello smart working che abbiamo maturato negli ultimi mesi con le esigenze di efficienza ed efficacia della macchina amministrativa di cui le Regioni hanno bisogno per affrontare le sfide del futuro.

Mi accingo a questa nuova sfida professionale ed umana con la consapevolezza di avvalermi di un grande staff come è quello del personale di Regione Liguria”.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE