fbpx

Rivolta bipartisan per i disservizi su Dazn: “Intervenga l’AgCom”

Politica

Written by:

Sui social la protesta dei tifosi raccolta dai politici di centrodestra e centrosinistra, uniti nell’appello al Garante delle Comunicazioni.

Il messaggio d’errore su Dazn

 

AGI – Una vera e propria sollevazione bipartisan. I disservizi nella fruizione su Dazn delle partite nella prima domenica di Serie A finiscono per impattare sulle sensibilità della fase elettorale e scatenano una levata di scudi da destra a sinistra, unite nel chiedere l’intervento di AgCom e nel mettere in mora la piattaforma che ha l’esclusiva delle dirette tv.

 

“La Lega Calcio e Dazn stanno sequestrando il campionato di calcio ai tifosi paganti, a causa dei malfunzionamenti”, attacca per primo Benedetto Della Vedova. “Il campionato comincia nel peggiore dei modi. A questo punto si rende necessario l’intervento dell’AgCom”, aggiunge su Twitter il segretario di Più Europa, e sottosegretario agli Esteri.

“Non e’ possibile che migliaia di tifosi che pagano un servizio anticipatamente siano oggetto di un disservizio come quello che viene denunciato in ogni zona d’Italia. Se Dazn non e’ in grado di fornire quello che ha promesso, restituisca immediatamente il dovuto agli abbonati. Intervengano governo e Lega Calcio. Siamo al limite della truffa”, attacca su Facebook Marco Miccoli, della Direzione nazionale Pd. Ma non è l’unica bordata che arriva dal Nazareno. “In tutta Italia ci sono gravi problemi di ricezione della trasmissioni di Dazn Italia. Il Pd ha inoltrato una segnalazione urgente ad AgCom per accertare eventuali violazione degli accordi sulla qualita’ del segnale raggiunti in quella sede”, annuncia Mauro Berruto, componente della Segreteria dem e uomod di sport, in quanto ex ct della Nazionale di volley maschile.

 

“Da abbonato a Dazn credo che il servizio che stanno offrendo faccia schifo”, taglia corto Matteo Salvini cche interviene sul tema del giorno non senza dimenticare che l’inizio del campionato cade appunto in una fase elettorale, tant’e’ che il Capitano sceglie di contrassegnare con un hashtag sia la piattaforma anche oggi al centro delle polemiche degli utenti sia quel “credo” che e’ lo slogan portante della campagna della Lega.

 

 

“I prezzi li alza ma Dazn peggiora il servizio. Avvio vergognoso per il campionato. Intervenga AgCom, il pubblico paga e non merita questo tradimento”, sbotta su Twitter il senatore FI Maurizio Gasparri.

 

 

“Migliaia di tifose e tifosi delusi da Dazn. Chiederemo le verifiche necessarie a AgCom. E’ un servizio a pagamento che va garantito”, ammonisce sempre su Twitter la capogruppo Pd alla Camera, Debora Serracchiani.

 

 

“Alla fine e’ stata semplicemente una fesseria togliere i diritti a Sky”, è la considerazione sulla questione da parte di Carlo Calenda. Una decisione presa “peraltro – prosegue il leader di Azione – colpendo una grande azienda che aveva investito in Italia e fa anche cinema, serie e cultura”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Traduci
Facebook
Twitter
Instagram
YouTube