fbpx

Roma-Kiev: la guerra in Ucraina entra nei programmi elettorali

Politica

Pubblicato da:

alle ore: 06:30

La politica estera dell’accordo Pd, Azione e +Europa segue la linea Draghi. La prima nave per il trasporto di grano a lasciare i porti ucraini dall’inizio della guerra è ancorata in sicurezza al largo delle coste turche.

AGI – “Le parti riconoscono l’importanza di proseguire nelle linee guida di politica estera e di difesa del governo Draghi con riferimento in particolare alla crisi ucraina e al contrasto al regime di Putin”.

È il focus sulla guerra ai confini dell’Unione europea contenuto nel programma che sigla l’accordo fra Pd, Azione e +Europa.

Nel frattempo, la prima nave per il trasporto di grano a lasciare i porti ucraini dall’inizio della guerra è ancorata in sicurezza al largo delle coste turche. La nave ‘Razoni’, partita dal porto ucraino di Odessa con un carico di 26,5 mila tonnellate di grano e’ arrivata al largo della costa settentrionale di Istanbul.

“Ha raggiunto l’ingresso del Bosforo nel Mar Nero e si e’ ancorata nel luogo ad essa assegnato”, ha fatto sapere su Twitter il ministero della Difesa turco, postando le foto dell’imbarcazione, la prima a viaggiare lungo il corridoio sicuro dai porti ucraini, nati in seguito all’accordo siglato da Kiev e Mosca con i mediatori di Turchia e Onu.

Intanto un nuovo convoglio della Croce Rossa italiana con mezzi a supporto delle cliniche mobili è partito dal Centro operativo nazionale emergenze di Roma per l’Ucraina. Secondo il presidente della Cri, Francesco Rocca, “questa complessa operazione risponde alle tante necessità della Croce rossa ucraina per garantire cure e assistenza nei territori colpiti”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Traduci

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

Facebook
Twitter
Instagram
YouTube