fbpx

Roulette: le tre varianti e le principali regole

Attualità & Cronaca

Sono passati ormai alcuni secoli da quando è stata inventare la roulette. Fu lo studioso Blaise Pascal ad occuparsene, sebbene il suo intento iniziale fosse un altro. Il noto matematico stava lavorando infatti a un esperimento che potesse dar vita a un macchinario capace di muoversi da solo. Oggi la roulette è invece una delle attrazioni peculiari delle sale da gioco. La famosa ruota consta di 37 caselle numerate poste lungo la circonferenza, di fronte a ognuna delle quali si trova una sorta di incuneatura in cui finirà la pallina lanciata sul disco. Dopo che i vari giocatori hanno comunicato il numero della casella in sui si fermerà la sfera, il croupier lancia quest’ultima sulla roulette. Il gioco è talmente popolare che anche chi non lo ha mai praticato ne conosce più o meno le regole.

Non tutti, però, sanno che le regole cambiano a seconda della versione alla quale si sta giocando. Già, perché non esiste solo quella tradizionale, ovvero quella francese, in cui l’uscita dello 0 si limita a bloccare le puntate. Esiste anche il tavolo inglese, in cui lo 0 presenta funzioni diverse. In alcuni casi, comunque, è possibile anche che l’uscita dello 0 imponga la divisione delle puntate con il banco. A risultare molto più particolare rispetto alle altre, però, è la variante americana, in cui c’è addirittura un numero in più: il doppio 0.

Il doppio 0 conserva le stesse funzioni dello 0 ed è posto proprio di fronte ad esso sulla circonferenza del disco. Sia lo 0 sia il doppio 0 occupano una casella verde, mentre le altre sono colorati di rosso e di nero. Nel complesso, comunque, il totale dei numeri arriva a 38. Va da sé che gli appassionati della roulette non gradiscono troppo giocare a questa versione. Il motivo è molto semplice: la presenza di un solo numero in più fa calare vertiginosamente le probabilità di vittoria, che già non erano elevatissime. Si tratta pur sempre di un gioco a estrazioni, una specie di lotteria, in cui è prevalentemente la fortuna a ricoprire un ruolo dominante.

Non ci sono molti particolari o dettagli che si possono studiare per cercare di prevedere dove andrà a finire la pallina. L’unica indicazione che deve seguire il croupier è di lanciare la sfera in direzione opposta a quella in cui sta girando il disco. Provare a scrutare il movimento della mano serve a ben poco, nemmeno uno genio della fisica potrebbe valutare tutte le variabili che porterebbero agli spostamenti della pallina, dai rimbalzi agli urti sulla superficie del disco. Di conseguenza, nel corso dei decenni sono nate parecchie leggende metropolitane intorno alla roulette.

Nonostante sia un gioco molto datato, la tradizione la fa da padrona. Anche nell’era del digitale, in cui la roulette disponibile online fa puntualmente parte dei palinsesti delle piattaforme di intrattenimento. Cambiano le modalità di fruizione dei giochi, tutto il mondo dei giochi virtuali viene stravolto dalla rivoluzione tecnologica, la roulette resiste, con le sue varianti e le regole di sempre.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE