fbpx

Saman smaschera le in-culture diverse

Attualità & Cronaca

Tragico probabilmente il destino sociale dopo il terribile caso Saman. 

di Roby Guerra

In un colpo solo, la povera ragazza ha già squarciato il Velo….. che decenni ormai di politicamente corretto mistificano sulla questione strutturale dell’Islam e della cosiddetta diversità culturale

Diversità dominante nei paesi afro, mediorientali e parzialmente asiatici non democratici e che i migranti islamici vogliono molto spesso conservare in Occidente, in barba alle leggi e alla parità uomo donna. 

Oltre che in tutte le collusioni occidentali… negazioniste su un vero problema epocale profondo irrisolvibile con sempre sospette analisi buoniste, certamente ipocrite e in malafede soprattutto dalle sinistre (mero calcolo elettorale e almeno in Italia e non solo, per non estinguersi – certa pseudosinistra secondo i fatti e il divenire storico).

La storia è lenta, l’evoluzione sociale in certi paesi storicamente antidemocratici segue una cronotemporalità diversa dalle illusioni delle anime pie e senza visoni oggettive del reale, come diceva persino Marx (Disillusione!) si allungano sempre i tempi storici necessari per soluzioni emotive, quindi concrete (non solo intellettualloidi) del problema.

Questo indipendentemente dalle responsabilità storiche anche oggettive del cosiddetto imperialismo, di oggi (Cina, Usa, Francia), di ieri (Gran Bretagna, Germania,.ecc.) di secoli fa (Spagna, ecc.).

Nello specifico italiano, non ci vogliono esperti per conoscere la morale superstiziosa, arretrata, illegale (Femministe ridicole) vigente nella maggior parte dei nuclei famigliari migranti islamici: le donne non sono libere per dogma, né potranno mai esserlo, finché non salta L’islam psicologicamente nella testa dei maschi Islamici.

Naturalmente non significa tale affermazione,  solo apparentemente estrema (invece realistica), non esistano anche donne libere e maschi islamici rispettosi delle donne (e delle “proprie”) e della legge italiana e di tutti i paesi democratici, così magari è anche possibile individualmente un Islam evoluto che abbia superato tale gravissimo gap nel 2021.

Ma si tratta di posizioni, queste evolute, di mera minoranza!

La struttura è quella che è, tollerata assurdamente e suicidalmente in Occidente, anche per gravi riduzionisni epistemici, una visione dell’uguaglianza non giustamente Giuridica, ma per la psicologia umana e anche la genetica rettamente intesa, non esiste una persona uguale all’altra!

Lasciando perdere il quasi totale business sui migranti anche islamici e la mistificazione epocale dell’ONU…

 

Saman perché voleva vivere normalmente all’Occidentale si è ribellata ed è stata eliminata dalla diversamente lobbie islamica nazionale internazionale. 

Non è stata la prima, né sarà l’ultima.

Le sinistre fingono di non vedere quel che è solare da decenni anche in Italia, dall’invasione migrantica e islamica.

Tutti gli Assistenti Sociali (e qualunque condomino italiano) lo sanno e  lo sa da un pezzo.

A un Italia futura presente l’aut aut: o si applicano le leggi italiane e democratiche per la “tutela” della libertà femminile anche nelle comunità islamiche ( ci dovrebbe essere una task force specializzata all’origine quando vengono in Italia e periodicamente, o l’Italia sarà complice diretta e dopo Saman, alla luce del Sole non solo nel’ombra come finora, di 1 10 100 1000 Saman, meno tragiche anche a volte, ma costanti,  certe nel futuro prossimo.

Redazione Corriere Nazionale

 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE