fbpx

Tutti assolti in Appello i sette imputati per l’espulsione di Alma Shalabayeva

Attualità & Cronaca

Pubblicato da:

alle ore: 04:55

Sulla vicenda della moglie del dissidente Kazako Mukhtar Ablyazov, la corte d’appello di Perugia ha assolto l’allora capo dell’Immigrazione della Questura di Roma Maurizio Improta, l’ex capo della Mobile, Renato Cortese, Il giudice di Pace Stefania Lavore e altri quattro imputati.

© Cristiano Minichiello / Agf
– Alma Shalabayeva

AGI – Dopo quasi dieci ore di camera di consiglio, la corte d’appello di Perugia ha assolto i sette imputati per l’espulsione di Alma Shalabayeva, moglie del dissidente kazako Mukhtar Ablyazov, e la figlia Alua.
Il collegio, presieduto da Paolo Micheli, ha deciso che “il fatto non sussiste” per il capo dell’ufficio immigrazione della questura di Roma, Maurizio Improta, con i suoi funzionari Vincenzo Tramma e Stefano Leoni, il capo della Mobile, Renato Cortese, i funzionari dello stesso ufficio, Luca Armeni e Francesco Stampacchia, e il giudice di pace Stefania Lavore.

Il capo della Polizia, Lamberto Giannini, ha accolto “con grande soddisfazione” la sentenza della Corte di appello di Perugia che ha riconosciuto la correttezza della condotta degli appartenenti alla Polizia di Stato in relazione alla vicenda di Alma Shalabayeva.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Traduci

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

Facebook
Twitter
Instagram
YouTube