fbpx

Un giorno di sole a Parigi di Julie Caplin

Arte, Cultura & Società

Recensione a cura di Mariangela Cutrone

Julie Caplin, la nota scrittrice inglese da oltre 80.000 copie vendute in tutto il mondo, è tornata in libreria con una nuova storia romantica degna di nota dal titolo “Un giorno di sole a Parigi”, Newton Compton Editori. Protagonista di questo meraviglioso romanzo, che è in grado di catturare l’attenzione del lettore e ammaliarlo sino all’ultima pagina, è Nina, una giovane ragazza inglese, ultima figlia in una famiglia numerosa composta da fratelli maschi.

Nonostante Nina abbia raggiunto l’età adulta i suoi fratelli la riempiono di soffocanti attenzioni e protezione non richieste. A causa di questo rapporto iperprotettivo da parte della sua famiglia, Nina non riesce a capire cosa vuole davvero dalla sua vita. Il suo desiderio più grande è quello di conquistare la tanto agognata indipendenza per poter far chiarezza tra i suoi desideri e bisogni esistenziali. Coglierà l’occasione di allontanarsi dal suo “nido” quando Sebastien, un suo vecchio amico di famiglia, avrà bisogno di un’assistente nell’organizzazione di un corso di pasticceria in uno dei suoi locali rilevati nella capitale francese. Nonostante Nina non sia tanto contenta di rivedere Sebastien per il quale dieci anni fa si era presa una “stupida cotta” adolescenziale, decide di accettare senza problemi questo incarico che la porterà diretta nell’esplorazione del meraviglioso mondo dell’arte pasticcera francese.

A Parigi Nina conoscerà degli amici che diventeranno presto la sua nuova famiglia con i quali si immergerà a pieno nella missione di far tornare agli anni d’oro una storica pasticceria che rischia di essere convertita in un bistrot. In questa “missione” Nina dovrà fare i conti con il suo cuore e i suoi sentimenti autentici per Sebastien che credeva fossero sopiti nel corso degli anni di distanza. “Un giorno di sole a Parigi” è un libro che parla di passioni, sogni, amore vero. Consente al lettore di immergersi a pieno nel mondo della pasticceria francese con le sue specialità e creazioni gustose.

La Parigi che viene presentata in questo romanzo è una capitale che è in grado di emozionare e offrire tanto a chi vuole mettersi in gioco e lasciarsi alle spalle la propria zona di comfort per imparare a vivere davvero. Attraverso la storia di Nina l’autrice ci invita a cogliere a pieno tutte le occasioni di crescita, sia professionale che umana, che la vita è in grado di offrirci senza paure e senza lasciarci condizionare dal passato.

Questo libro ci fa riflettere sull’importanza di coltivare le proprie passioni aiutandoci a vivere in coerenza con quello che siamo. L’insegnamento che inevitabilmente si trae da esso è che bisogna liberarsi prima o poi dei limiti e delle catene, come succede a Nina, ci impediscono di crescere ed evolvere. Bisogna avere il coraggio di trovare la propria strada e una volta riconosciuta perseguirla con perseveranza, grinta e vitalità.

“Un giorno di sole a Parigi” è anche una storia d’amore che scalda il cuore e ci fa acquisire speranza e fiducia nei sentimenti veri e intensi che perdurano nel tempo e che consentono di affrontare con una marcia in più le difficoltà della vita. La storia d’amore tra Nina e Sebastien, ma manche quella tra due personaggi minori come Peter è Jane, trasuda empatia, complicità e condivisione. Sono questi degli ingredienti che consentono all’amore di diventare una costante che riveste un ruolo di fondamentale importanza nella propria esistenza e nel perseguimento dei propri obiettivi e sogni. La scrittura di Julie Caplin si riconferma emozionante e intrigante. Un libro che consiglio a chi ama le storie che ti immergono in uno scenario inedito ricco di emozioni intense dal quale è difficile distaccarsene.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE