fbpx

Una power bank è esplosa nello zainetto di uno studente

Attualità & Cronaca

Pubblicato da:

alle ore: 04:00

Paura in un istituto scolastico di Milano per l’esplosione della batteria di ricarica per cellulari che ha coinvolto otto persone, sette studenti e un insegnante. Al momento dello scoppio non era in funzione.

© JESSICA GOW / TT News Agency / Afp
– Power bank

 

AGI – Una power bank, una batteria di ricarica per cellulari e pc, è esplosa nello zaino di uno studente alla scuola IPSAR Amerigo Vespucci di via Carlo Valvassori Peroni 8 a Milano provocando il panico e alcuni feriti lievi.

Sul posto sono intervenuti gli operatori dell’Areu e la polizia. L’esplosione ha coinvolto 8 persone, 7 studenti e un insegnante, di cui 3 ospedalizzati: una ragazza di 17 anni ricoverata per un malore all’ospedale San Raffaele, un’altra studentessa e un ragazzo della stessa età sono invece stati accompagnati all’ospedale De Marchi per sintomi da inalazione di fumo.

“L’ho comprato due anni fa, ma non ricordo dove e neanche la marca”. È quanto ha detto lo studente quindicenne proprietario della power bank, una batteria di ricarica per cellulari e pc, esploso nel suo zaino durante una lezione.

Il giovane che frequenta l’Ipsar Amerigo Vespucci di via Carlo Valvassori Peroni 8 ha inoltre spiegato che la batteria “non era in funzione” al momento dello scoppio.

Il quindicenne e una sua compagna di classe coetanea hanno inalato il fumo nero generato dall’autocombustione del dispositivo e sono stati accompagnati con lievi sintomi da intossicazione alla clinica De Marchi dove entrambi sono stati già dimessi.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Traduci

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

Facebook
Twitter
Instagram
YouTube