fbpx

Vaiolo delle scimmie, Rezza “71 casi confermati finora in Italia”

ROMA (ITALPRESS) – “Il ministero della Salute e l’Istituto Superiore della Sanità, lo Spallanzani e le altre strutture del Servizio Sanitario Nazionale sono al lavoro per monitorare la diffusione del virus Monkeypox, il vaiolo delle scimmie. Sul sito del ministero della Salute troverete tutti gli aggiornamenti e le informazioni”. Lo ha detto, in un video …

Italpress news

Pubblicato da:

alle ore: 18:56

ROMA (ITALPRESS) – “Il ministero della Salute e l’Istituto Superiore della Sanità, lo Spallanzani e le altre strutture del Servizio Sanitario Nazionale sono al lavoro per monitorare la diffusione del virus Monkeypox, il vaiolo delle scimmie. Sul sito del ministero della Salute troverete tutti gli aggiornamenti e le informazioni”. Lo ha detto, in un video messaggio, Giovanni Rezza, direttore generale prevenzione del ministero della Salute. “Al momento i casi confermati nel nostro paese sono 71, non sono molti, ma è importante che non incrementi la sua diffusione – ha aggiunto -. Per questo è necessario seguire alcune semplici raccomandazioni: il vaiolo delle scimmie è una malattia provocata da un virus, i cui sintomi principali sono eruzioni cutanee, soprattutto pustole, ma le persone colpite presentano anche febbre, spossatezza, dolori muscolari. In genere i sintomi sono piuttosto lievi”.Rezza ha ricordato che il virus si trasmette “tra le persone, soprattutto tramite i contatti diretti, i contatti stretti, in particolare con il contatto diretto tra le lesioni cutanee o con i fluidi corporei di una persona infetta, ma anche con oggetti contaminati, come le lenzuola e i vestiti. Lesioni ed eruzioni cutanee si verificano spesso sulle mani, sul viso. In Europa, in molti casi, si sono verificate sui genitali, nella zona inguinale. I sintomi scompaiono di solito entro tre settimane – ha concluso -. I focolai tendono generalmente ad autolimitarsi, restando per lo più molto circoscritti. Se si hanno questi sintomi è bene consultare il medico e le strutture sanitarie di riferimento”.
– foto agenziafotogramma.it –
(ITALPRESS).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Traduci

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

Facebook
Twitter
Instagram
YouTube