fbpx

Viminale, svolto l’incontro Fesica Confsal – Sottosegretario Molteni sulla sicurezza privata

Attualità & Cronaca

ROMA –  “Encomiabili le intenzioni manifestate dal Sottosegretario all’Interno Nicola Molteni, in linea con la nostra Organizzazione, per cercare di aiutare i lavoratori del comparto della sicurezza privata e con essi il suo indotto”. Così la Fesica con il Segretario generale Bruno Mariani ed il tecnico Confsal Alfredo Mancini a margine dell’incontro avuto in Viminale con il membro del governo Draghi.

“Seppur le maggiori energie dell’Esecutivo siano giustamente impegnate nella gestione della pandemia, abbiamo constatato personalmente la volontà del Sottosegretario Molteni a condividere le proposte della nostra Federazione per il comparto. Nello specifico – continuano Mariani e Mancini – abbiamo chiesto vada a buon fine il decreto sui requisisti minimi, formativi e professionali, sollecitato la necessità dell’estensione dei campi di intervento in collaborazione con le Forze dell’ordine – anche all’estero a tutela degli interessi nazionali – ed il riconoscimento dello stato di pubblico ufficiale quando si è in servizio. Sotto l’aspetto della contrattazione è stata condivisa, invece, la necessità di un nuovo Ccnl con più tutele e diritti come nell’aumento del salario minimo e con esso quelli dei buoni pasto, oltre che una indennità d’arma da fuoco.

Abbiamo aperto una interlocuzione preziosa che siamo certi possa contribuire al miglioramento delle condizioni dei 100 mila lavoratori in questione e – spiegano i rappresentanti della Fesica Confsal – supportare la Commissione consultiva centrale sulla vigilanza privata per sciogliere le problematiche, oramai ataviche, di questo settore. Con il Sottosegretario Molteni abbiamo convenuto dell’importanza del tema sicurezza in generale e finalmente anche grazie al suo impegno non più relegato a tema secondario. Ne vale – concludono Mariani e Mancini – il benessere dei lavoratori e dell’intera nazione”.

Redazione Corriere Nazionale


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE