fbpx

Vivere altrove

Emigrazione

Pubblicato da:

alle ore: 09:22

Dai risultati dell’Anagrafe Italiani Residenti all’Estero (AIRE), alla fine dello scorso anno, i Connazionali “altrove” erano 5.114.470. In definitiva, un numero che rappresenta l’8,5% della popolazione residente nel Bel Paese. Più della metà di questa fitta umanità oltre confine vive in Paesi UE (5,8 %).

La restante percentuale è sparsa in Stati geograficamente maggiormente lontani. La comunità italiana più numerosa, fuori d’Europa, resta in Argentina (820.000), poi si torna nel Vecchio Continente. 745.000 italiani vivono in Germania, 615.000 in Svizzera, 451.000 si trova in Francia. Questi sono i numeri più espressivi. Anche se le Comunità italiane all’estero, piccole o grandi, hanno tutte sviluppato un loro ruolo. Entrando in merito all’età, se si escludono gli italiani nati all’estero, il 18% ha un’età compresa tra i 50 e i 65 anni. Da qualche tempo, stanno aumentando anche le richieste di visto migratorio per l’Australia e Nuova Zelanda, dove già vivono 25.000 Connazionali impegnati nei diversi settori produttivi di questi lontani Paesi.

Di tutta questa fitta umanità, circa il 65% ha regolari contatti, economici e sociali, con la Patria. Il 26% intenderebbe rientrare, definitivamente, nella Penisola terminato il ciclo lavorativo. Tra l’altro, sono aumentate le proprietà immobiliari, soprattutto nell’Italia meridionale, da parte di Connazionali residenti all’estero. Proprio a fronte di quest’altra Italia nel mondo, la nostra attenzione nei loro confronti continua ed è motivo di riflessione e confronto. Vivere “altrove” era, e rimane, un aspetto della nostra cultura che seguiteremo a monitorare. Sia sotto gli aspetti economici, che culturali. Riteniamo, infatti, che ne valga la pena.

Giorgio Brignola

Traduci

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

Facebook
Twitter
Instagram
YouTube