fbpx

Wella presenta alla Camera dei Deputati la proposta di legge per l’istituzione dell’albo degli acconciatori professionali

Attualità & Cronaca

 Wella in prima linea con un’azione concreta a sostegno della categoria parrucchieri presenta alla Camera dei Deputati la proposta di legge per l’istituzione dell’albo degli acconciatori professionali 

Sono oltre 100.000* in Italia, con una altissima concentrazione, pari a 1 salone ogni 500 abitanti. Sono i professionisti del benessere e dell’estetica dei clienti che ogni giorno si affidano ai loro servizi. Una presenza molto capillare sul territorio, pronta a combattere con una nuova forza istituzionale e cavalcare la ripresa. Dopo il 2020 della pandemia, che ha defalcato del 28,5% il fatturato sceso a 547 milioni di euro, il settore è già in risalita con una stima del +10% nel primo semestre 2021**.

Insieme a loro è scesa in campo Wella, leader del mercato professionale della cosmesi dei capelli, per portare sul tavolo dei politici una proposta di legge – promotore e firmatario il deputato Graziano Musella – finalizzata all’istituzione di un albo professionale atto a tutelare da un lato il cliente fruitore dei servizi prestati dagli acconciatori, dall’altro a certificare la qualità professionale del parrucchiere.

“Per sostenere una vera crescita del mercato della bellezza in salone, non basta più essere parte attiva di un sistema imprenditoriale – dichiara Marco Vurro Direttore Comunicazione Wella Italia – occorre puntare su un cambio di mentalità e di percezione di un mestiere antichissimo profondamente radicato nella società che oggi, come mai prima d’ora, ricopre un ruolo fondamentale per la salute dei clienti. Il parrucchiere si occupa non solo di taglio e styling ma eroga trattamenti tricologici che agiscono direttamente sulla pelle, dalla colorazione alla decolorazione dei capelli, per i quali esigiamo una preparazione certificata e riconosciuta legalmente, a tutela del cliente finale e della categoria stessa degli hairstylist, che sono chiamati ad una formazione permanente ed al rispetto delle norme deontologiche.”

Una visione quantomai chiara del mestiere del parrucchiere, che nello scenario attuale così fluido, soggetto ai nuovi stili di consumo post Covid-19 e aperto alla concorrenza straniera atta ad alimentare un’economia sommersa, necessita in modo improcrastinabile dell’istituzione di un albo degli acconciatori professionali riconosciuto dalla legge, che certifichi la qualità degli iscritti.

La proposta di legge in pillole:

  • L’iscrizione all’albo dà ai clienti la garanzia che gli acconciatori sono in possesso dei necessari requisiti, quali il superamento dell’esame tecnico-pratico previsto dell’articolo 3 della legge 17 agosto 2005, n. 174, la frequenza di appositi corsi di formazione e l’esercizio della professione di acconciatore di 1° livello per un periodo di almeno 3 anni. Sono definiti acconciatori di 1° livello gli acconciatori in grado di eseguire prestazioni di tipo avanzato conformi e funzionali alle caratteristiche dell’aspetto, basate sui canoni della moda e del costume e rispondenti alle esigenze igieniche****
  • L’istituzione dell’albo permette, una scelta consapevole da parte del cliente e garantisce al titolare dell’impresa dell’acconciatore di assumere soggetti qualificati ai sensi della legislazione vigente.
  • L’iscrizione all’albo rappresenta un elemento di riconoscimento e di affidabilità su cui fondare l’attività professionale.
  • L’albo prevede un adeguato sistema di aggiornamento per assicurare una qualità sempre più alta. Pertanto, è stato disposto l’obbligo di frequenza di corsi di aggiornamento, pena la cancellazione dall’albo.
  • I soggetti iscritti all’albo sono tenuti a frequentare i corsi di aggiornamento per un monte ore complessivo di 20 ore ogni due anni. La mancata frequenza dei corsi di aggiornamento comporta la cancellazione dall’albo.

 

Wella, nel ruolo di protagonista del mercato della bellezza – con 10.000 Saloni clienti dei 75.000 esistenti sul territorio e 5 milioni di donne che frequentano i saloni Wella, il 20% sul totale nazionale di 25 milioni***-  è presente nel mondo da oltre 140 anni e in Italia da 60, ponendo sempre al centro del suo operare l’essere partner di ogni singolo parrucchiere nel percorso di crescita professionale e imprenditoriale, attraverso la formazione tecnico, stilistica, manageriale e di comunicazione. Un vero motore propulsivo che ogni anno eroga in Italia circa 1.000 corsi di formazione in presenza e on line per stimolare nella sua crescita la categoria. Fra i progetti più rilevanti, WELLA MAKING WAVES, in collaborazione con Unicef e gli hairstylist partner, volto a fornire gli strumenti del mestiere a giovani ragazzi under 30 italiani e stranieri, che vivono in condizioni disagiate. Il corso di formazione intensiva prende il via a novembre con 4 aule di formazione a Milano, Roma, Catania e Ancona, coinvolgendo 10 ragazzi circa per ciascuna città.

A sostegno della categoria, sempre nel contesto istituzionale della Camera dei Deputati, il Premio Wella ai migliori Saloni Italiani “Arti e professioni dell’eccellenza Italiana”, un riconoscimento nei vari ambiti della professione, che premia  il talento autentico di acconciatori  uomini, donne, giovani e senior, fatto di intraprendenza, creatività, coraggio, preparazione tecnica, sensibilità estetica e capacità di comunicare, perché mai una donna, e sempre più uomini, sapranno privarsi del loro parrucchiere e della sua abilità artigiana, che evolve con tecniche e servizi sempre più raffinati e personalizzati.

 

*Fonte: Unioncamere 31 marzo 2020 

**Fonte: Estetica Italia febbraio 2021

***Fonte: Wella

**** In particolare, gli acconciatori di 1° livello sono in grado di eseguire permanenti sui capelli corti e lunghi utilizzando diversi sistemi, di applicare tinture nelle varie gamme di colore, di effettuare decolorazioni la cui miscela, da loro stessi preparata, deve corrispondere alle necessità occorrenti a quella determinata qualità fisica di capelli, di eseguire mèche, pettinature di fantasia su capelli di diversa lunghezza, acconciature da modello, disegno, stampa e fotografia, ondulazioni a ferro e a phon su capelli lunghi e corti, lavatura della testa, tratta-mento igienizzato del cuoio capelluto, massaggio drenante e con mezzi meccanici della cute, nonché tutte le tecniche di taglio, di preparazione di toupé e di parrucche e loro applicazione previo adattamento del cuoio capelluto e pettinature sui mani-chini. Sono, altresì, definiti acconciatori di 1° livello gli acconciatori in grado di eseguire il taglio della barba intera con la sola forbice in tutte le forme e il taglio dei capelli in qualsiasi foggia, compreso il taglio scolpito a rasoio con acconciatura ad aria calda.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE