fbpx

Corte UE ha sospeso obbligo green pass per accesso ad Europarlamento

Attualità & Cronaca

Corte UE ha sospeso obbligo green pass per accesso ad Europarlamento.

Il Presidente del Tribunale dell’UE sospende l’obbligo di green pass per i cinque eurodeputati, e dipendenti del Parlamento ricorrenti, tra cui la sottoscritta.

Avevamo posto la questione in una seguitissima conferenza stampa. 

Grazie ad una sospensiva decisa dal Tribunale dell’Ue da lunedì 5 novembre per me e altri quattro colleghi deputati e per i lavoratori del Parlamento Europeo che hanno fatto ricorso, non sarà necessario esibire il green pass per accedere al Parlamento europeo fino alla decisione della Corte nel merito.

Questo il provvedimento del presidente del Tribunale Marc van Der Woude.

Si tratta di un segnale molto positivo grazie a questa decisione temporaneamente io e i miei colleghi ma anche i lavoratori dell’Europarlamento che hanno promosso il ricorso contro l’imposizione del Bureau, non saremo più tenuti a presentare il green pass e potremo accedere agli edifici del Parlamento con la semplice presentazione di un autotest negativo.

Appare necessario, nell’interesse di una buona amministrazione della giustizia, sospendere l’esecuzione della decisione impugnata limitando le condizioni di accesso dei ricorrenti ai locali del Parlamento europeo al requisito di un autotest negativo. In caso di risultato positivo, questo test deve essere seguito da un test PCR. In caso di esito positivo di quest’ultimo test, il Parlamento europeo può rifiutare ai richiedenti l’accesso ai suoi locali.

Un primo round dunque a favore per l’eurodeputata di Palermo, che aveva aderito al ricorso contro la decisione del Bureau di presidenza dell’Europarlamento che dal tre novembre aveva subordinato l’accesso agli edifici del Parlamento europeo nei suoi tre luoghi di lavoro a Strasburgo, Bruxelles e Lussemburgo alla presentazione di un certificato digitale Europeo Covid.

In attesa della decisione finale del Tribunale che dovrebbe arrivare entro la fine dell’anno, con gli altri colleghi parlamentari scriveremo una lettera al Presidente del Parlamento europeo Sassoli per chiedere di sospendere in via precauzionale il provvedimento del Bureau sul green pass obbligatorio per tutti gli eurodeputati ed i lavoratori del Parlamento UE.

Questa azione sono atte a dimostrare che l’uso fatto del green pass non è pacifico come le istituzoni europee vogliono farci credere. Il fatto che un tribunale abbia accolto la sospensiva in attesa del giudizio signifcia chiaramente che i pregiudizi da noi riscontrati hanno delle fondamenta che necessitano approfondimenti.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE