fbpx

Il Covid accelera il popolamento del metaverso

Economia & Finanza

di Luigi Benigno

Neal Stephenson, nel romanzo cyberpunk Snow Crash (1992), coniava il termine “metaverso”, cioè quello spazio tridimensionale all’interno del quale persone fisiche potevano muoversi ed interagire attraverso degli avatar personalizzati.

Finora abbiamo assistito alla nascita e allo sviluppo moderato ma costante di un mondo virtuale parallelo, in cui ci sono poche regole e ci si muove a livello globale in uno spazio virtuale molto più ampio di quello fisico in cui ciascuno vive.

Siamo in una fase di transizione da un metaverso immaginato e finora sviluppatosi per fini ludici, con i cyber games; si sente sempre di più discutere di blockchain, criptovalute, NFT, smart contracts; si tratta di un mondo parallelo in cui avvengono transazioni, si scambiano contratti, si effettuano pagamenti, senza regole giuridiche certe, in quanto mal si concilia con l’infinito mondo virtuale l’applicazione di regole poste da un ordinamento che non sia in grado di dettare regole erga omnes.

Il metaverso presenta molte insidie poiché poquantoro ridursi le entrate fiscali a causa della pratica di transazioni non intercettabili dal fisco ma con effetti reali; in un mondo virtuale albergano comodamente le organizzazioni criminali, soprattutto per effettuare transazioni illecite non facilmente intercettabili.

Ebbene, la pandemia da Covid potrebbe accelerare il popolamento di un mondo virtuale che sfugge alle regole e che per essere regolamentato è necessario ci sia un governo globale che detti regole giuridiche. La pandemia ha imposto una drastica riduzione dei rapporti sociali, ha favorito il commercio online e le transazioni digitali, quali conseguenze a carico dei negozi di prossimità?

Ne consegue il rischio di default di molte attività, a causa di molteplici fattori, diminuzione dei ricavi, aumento di costi energetici, isolamento fiduciario e quarantena per il personale dipendente.

Uno scenario realistico che sfugge al suo rapido incedere.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

Facebook
Twitter
YouTube