fbpx

 Il tema dell’istruzione dei giovani è una materia di ordine soprattutto politico

Attualità & Cronaca

di Lucio Garofalo

 Il tema dell’istruzione dei giovani è una materia di ordine soprattutto politico, nel senso che il problema, come si suol dire, sta “a monte”. Negli ultimi trent’anni si è verificata una parabola discendente del ruolo del docente, ridotto ad uno “status impiegatizio”.

Negli ultimi tre decenni si sono susseguite in maniera sistematica “riforme” infauste, che hanno demolito e svalutato la scuola pubblica, mettendo sotto attacco (o alla berlina) la figura del docente, sempre più screditato: ricordo l’infamante campagna ideologica del ministro Brunetta, nel 2008, nei confronti dei “docenti fannulloni”. Siamo percepiti come una sorta di “privilegiati”, oppure di “scansafatiche”, da punire e perseguire.

La percezione distorta e i luoghi comuni circa il nostro lavoro, infusi ed alimentati anche, ma non solo, dai media, si nutrono di rancore e di invidia sociale, sono insiti nell’immaginario collettivo della gente.

E tale percezione discende da stereotipi fallaci: tre mesi di ferie estive, le vacanze eccessive nel corso dell’anno scolastico, e via discorrendo.

Simili pregiudizi sono assai difficili da estirpare e temo siano estremamente diffusi e radicati nella pubblica opinione. Serviranno almeno tre decenni di una politica virtuosa soltanto per invertire la rotta e migliorare la realtà in cui siamo precipitati. Non sono affatto pessimista, ma semplicemente realista.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE