fbpx

Mattarella, ‘atti di violenza sorprendono e addolorano’

Senza categoria

“Sorprende e addolora che proprio adesso che vediamo una ripresa incoraggiante, economicamente, socialmente e culturalmente, esplodano iniziative con atti di violenza quasi a volere ostacolare la ripresa del Paese”, ha detto il presidente della Repubblica Mattarella all’inaugurazione dell’anno accademico dell’Universita’ di Pisa, invitando a contrastare la “deriva antiscientifica che si registra anche nel nostro Paese, sia pure in piccole dosi. Dobbiamo molto alla scienza che ci ha consegnato i vaccini”.

Dopo la fase acuta della pandemia l’Italia e’ ripartita. Grazie alle vaccinazioni il Paese torna a vivere e l’economia cresce, percio’ addolorano e sorprendono le manifestazioni violente contro la certificazione verde anti-Covid. E’ questo il messaggio del presidente della Repubblica Sergio Mattarella che arriva da Pisa, dove ha inaugurato il nuovo anno accademico dell’Universita’.

Negli stessi momenti in cui a Triste si svolgevano le proteste dei portuali, il capo dello Stato ha voluto ricordare che, dopo un periodo buio, il Paese e’ ora sulla strada della ripresa grazie al sacrificio e al senso di responsabilita’ della stragrande maggioranza dei cittadini. “Questo e’ un nuovo inizio – ha rimarcato Mattarella -, lo e’ per le condizioni che abbiamo attraversato. Siamo sempre chiamati a nuovi inizi. Si passa da un inizio all’altro scriveva Gregorio di Nissa e ogni inizio e’ anche fiducia e apertura al futuro”. 

“Siamo ripartiti, aprono le universita’, sono aperte le scuole, l’industria lavora a pieno ritmo, l’economia del Paese e’ in crescita e supera le speranze, ai massimi rispetto all’Europa – ha precisato il presidente della Repubblica -. Crescono ogni giorno i posti di lavoro, abbiamo prospettive incoraggianti, si sono riaperti a pieno teatri, cinema e impianti sportivi. Il Paese e’ ripartito, torna a respirare e vivere.

E tutto questo lo dobbiamo alla scienza, al senso di responsabilita’ dei nostri concittadini. Sorprende e addolora percio’ che proprio adesso che l’economia cresce, e non quando vi erano momenti con l’orizzonte oscuro, quando si temeva il crollo del Paese, che esplodano fenomeni, iniziative e atti di violenza, di aggressiva contestazione. Quasi a volere ostacolare, intercettare la ripresa che il Paese sta vivendo e che deve essere condotta a buon fine, con fatica, con impegno ma in maniera indispensabile”.

Detto questo, per il capo dello Stato c’e’ solo “tristezza” e non “allarme” perche’ le violenze “si infrangono contro la determinazione, il senso di responsabilita’, il senso civico della quasi totalita’ dei nostri concittadini”.

Il senso civico “la vera forza del nostro Paese”. Mattarella ha rivolto anche un invito a “contrastare la deriva antiscientifica che si registra un po’ ovunque, anche nel nostro Paese, sia pure in piccole dosi”. Una deriva antiscientifica che “mira a bloccare il futuro e porta a ricondurre tutto al passato”.

Ma l’Italia non puo’ permettersi di tornare indietro. “Abbiamo di fronte a noi la possibilita’ irripetibile di rinnovare il nostro Paese. Non possiamo perdere questa occasione, danneggeremmo duramente i giovani e le future generazioni, dobbiamo collocarla a frutto, condurla a buon risultato”, ha concluso il presidente. 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE