fbpx

Come i polacchi bloccheranno i nostri fini giuristi e metteranno in gabbia gli animali

Print Friendly, PDF & Email

Gianni Fraschetti

Tecnicamente la Polonia  non attiverà  una vera e propria richiesta di estradizione, ma piuttosto una procedura di mandato di arresto europeo, rimesso alle valutazioni dell’autorità giudiziaria italiana. La questione è regolata dalla legge n. 69 del 2005, ossia la legge di attuazione in Italia del mandato di arresto europeo.

L’articolo 18 elenca i casi in cui viene rifiutata la consegna del soggetto per cui è stata inoltrata la richiesta. E una di queste è “se per lo stesso fatto che è alla base del mandato d’arresto europeo, nei confronti della persona ricercata, è in corso un procedimento penale in Italia, esclusa l’ipotesi in cui il mandato d’arresto europeo concerne l’esecuzione di una sentenza definitiva di condanna emessa in uno Stato membro dell’Unione europea”.

I Polacchi hanno lavorato da subito in questa ottica e hanno spedito in Italia di gran carriera, poche ore dopo i fatti, un giudice istruttore insieme ad agenti della loto polizia giudiziaria. Non ho dubbi che la loro macchina giudiziaria sarà velocissima e che li condanneranno in tempi record. A quel punto ne chiederanno la consegna, cui non potremo opporci. Ci sarà da ridere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Segui via Email
Facebook
Facebook
Google+
http://www.corrierenazionale.net/2017/09/05/come-i-polacchi-bloccheranno-i-nostri-fini-giuristi-e-metteranno-in-gabbia-gli-animali
Twitter