fbpx

Referendum in Kurdistan: più rischi che opportunità

Print Friendly, PDF & Email

Il popolo curdo rincorre l’indipendenza da decenni. Il 25 settembre si svolgerà un referendum consultivo per l’indipendenza della regione semi–autonoma del Kurdistan iracheno da Baghdad. Sebbene il governo iracheno abbia già dichiarato che non riconosce la validità del referendum, il voto avrà inevitabilmente un forte impatto sul futuro dell’Iraq. Allo stesso tempo, la prospettiva di un’indipendenza curda preoccupa le potenze regionali, sia per il timore di un effetto domino nei paesi con una consistente minoranza curda sia per le ricadute sugli equilibri esistenti. Se il valore simbolico di questo referendum per il popolo curdo è altissimo, resta comunque grande l’incertezza circa la sua attuabilità. Infatti, nonostante i curdi facciano leva sulle recenti vittorie ottenute sul campo di battaglia contro ISIS, le divisioni interne al blocco curdo e gli interessi internazionali potrebbero continuare a costituire un ostacolo insormontabile alla sostenibilità del progetto indipendentista. (Image credit: Flickr)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Segui via Email
Facebook
Facebook
Google+
http://www.corrierenazionale.net/2017/09/23/referendum-in-kurdistan-piu-rischi-che-opportunita
Twitter