fbpx

Alfie Evans e il diritto alla vita di ogni persona

Print Friendly, PDF & Email

Riguardo all’angosciosa vicenda del piccolo Alfie Evans, Gavina Masala, sul blog “Come Gesù”, del prete e scrittore Mauro Leonardi, osserva: « Io non ho chiaro un punto della vicenda: la Corte Europea dei Diritti Umani ha dichiarato inammissibile il ricorso dei genitori di Alfie e non capisco come questo sia possibile. Il primo articolo della Convenzione Europea dei Diritti dell’Uomo garantisce, infatti, “il diritto alla vita”».

L’articolo 2 della Convenzione, recita: “Il diritto alla vita di ogni persona è protetto dalla legge. Nessuno può essere intenzionalmente privato della vita, salvo che in esecuzione di una sentenza capitale pronunciata da un tribunale, nel caso in cui il delitto è punito dalla legge con tale pena”.

Di norma, si ha diritto a qualcosa che porta vantaggio, non a qualcosa che va a danno della persona. Non si può dire, ad esempio, che si ha diritto ad essere bastonati. Non ha senso. Non si può dire che si ha diritto a vivere soffrendo terribilmente, se non si vuole vivere soffrendo terribilmente, oppure che si ha diritto a vivere col cervello devastato da una grave malattia, attaccato perennemente a sofisticate apparecchiature, come nel caso di Alfie, se questo diritto non lo si reclama, oppure se questo diritto non è un vantaggio ma un grave danno per la persona. Riguardo al piccolo Alfie, i medici e i giudici non hanno stabilito di privarlo della vita, ma hanno stabilito di non continuare a fare qualcosa (tenerlo attaccato alle macchine) per impedirgli di morire. C’è differenza, anche se sfugge a molti. Tutelare la vita ad ogni costo e in qualsiasi circostanza potrebbe significare un’imposizione, una vera e propria violenza verso la persona. Poiché il piccolo Alfie non è in grado di manifestare la propria volontà, i medici e i giudici sono le persone più adatte a comprendere quale sia il suo vantaggio.

Detto questo, mi piacerebbe sapere quante persone che inveiscono contro i medici e i giudici inglesi, cambierebbero idea se si trovassero nelle condizioni di Alfie e, cosa impossibile ovviamente, ne avessero la consapevolezza. 

Renato Pierri

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Segui via Email
Facebook
Facebook
Google+
http://www.corrierenazionale.net/2018/04/24/alfie-evans-e-il-diritto-alla-vita-di-ogni-persona
Twitter