fbpx

Salvini-Fusco: dalla tuscia con “furore”

Print Friendly, PDF & Email

L’alto Lazio fa incetta di voti (da sinistra: Senatore Umberto Fusco, Matteo Salvini, il Sindaco di Viterbo Giovanni Arena)

Matteo Salvini e Umberto Fusco hanno conquistato il centro sud. Stiamo parlando del miglior risultato di sempre per la Lega nel territorio che si estende dall’Alto Lazio fino alla punta dello Stivale. Da segnalare infatti che con i suoi ben 9 uomini in consiglio comunale a Viterbo, la squadra di “Salvini della Tuscia” ha eletto il maggior numero di rappresentanti amministrativi su tutto il territorio dell’Italia centro meridionale.

Un successo che è stato possibile grazie al decennale impegno dell’uomo di fiducia (di quelle aree) del Ministro dell’Interno, ovvero il Senatore Umberto Fusco, capogruppo in Commissione Difesa a Palazzo Madama. E pensare che il neo eletto, ex Ufficiale dell’Esercito, segue il carroccio da oltre 11 anni, vale a dire dal periodo in cui Salvini era pressoché sconosciuto. “Momenti duri – spiega l’on. Fusco – decisi di aderire all’idea di rinnovamento molto tempo fa. Eravamo pochissimi ma ci credevamo. Non arrivavamo neanche all’1% dei consensi e figuriamoci quando poi è arrivato l’uragano Belsito-Bossi. Nessuno (degli altri partiti di coalizione) pensava minimamente che ci sarebbe stata la svolta con la segreteria di Matteo del 2013. Detto onestamente è proprio in quel momento che capii tutto! Sentii nell’aria che il famoso federalismo sarebbe, di li a poco, finito in soffitta per dare spazio ad un movimento inclusivo e profondamente nazionalista. Oggi il Ministro dell’Interno, con le sue continue visite a Reggio Calabria, in Sicilia, in Puglia e in varie altre località della splendida “area” del sud, ci dimostra che non esiste più un nord, un centro o un meridione ma che l’Italia è unita senza più frontiere o “barriere” regionali. L’Italia di Bari è come l’Italia di Milano, l’Italia di Reggio è l’Italia di Piacenza. Anche questo senso di fortissima tutela degli sbarchi (tutti o quasi ovviamente nei porti siciliani) unitamente al contratto di governo firmato con il M5S, movimento profondamente radicato da Roma in giù, ne è la concreta testimonianza”.

Salvini & Fusco sono una coppia molto affiatata, che si conosce da moltissimo tempo e che il 4 marzo, così come le amministrative del 10 e 24 giugno, ha dimostrato che la perseveranza e il “credo” possono – alla lunga – realmente premiare.

“Sono stato un Militare, so cosa significa sacrificio e speranza, solidarietà e unione – (continua Fusco). La squadra di giovanissimi tra assessori, vice sindaco e consiglieri insediati nel capoluogo della Tuscia, dimostra che volere è potere e che se ci si prefigge un determinato traguardo, lavorando sodo e con fedeltà ai proprio ideali, si può arrivare alla meta prefissata.

La Patria è tutto, per il tricolore molti nostri avi hanno dato il sangue, ed è per questo che noi siamo pronti a difendere i nostri confini dalla violenza e dai soprusi. Puntiamo al lavoro, a ridurre disoccupazione e conseguente emigrazione dei nostri giovani da molte realtà che sono un vanto e un orgoglio davanti al mondo intero. Basta espatri dei nostri ragazzi. Solo l’anno scorso se ne sono andati la bellezza di 285 mila, principalmente dalle aree piu’ svantaggiate. Vanno a cercare fortuna all’estero ma tutto questo è quanto di più sbagliato possa accadere.

 

(Salvini e Fusco)

Con la grande esperienza che ci portiamo dietro da secoli nell’artigianato, nel manifatturiero, nell’agricoltura e nel Made in Italy non possiamo permettere questa incontrollabile emorragia. E’ ora di cambiare e fare girare le cose per il verso giusto. Gli italiano hanno bisogno di risposte e, in qualità di forte rappresentante per l’area centro sud del nostro Paese sono pronto in Senato, e in tutte le altre sedi istituzionali nazionali ed europee, a dare forte battaglia insieme ai miei colleghi e al capo del nostro Partito.       

Quando il vostro collaboratore Crocoli mi ha fatto presente che sarei stato intervistato per un giornale, che poi so essere anche TV, con sede a Bari, ho immediatamente sospeso tutti i miei impegni per concedermi a lui e a Voi. Poiché, quest’idea di una forte rappresentanza della Lega (che si svilupperà mi auguro in coordinamento centro-meridionale) che intende creare Matteo Salvini mi tocca in prima persona e in maniera molto sentita. Se la Tuscia ha dimostrato di conquistare enorme consenso e se la città di Viterbo ha fatto da apripista per un’Italia centro-meridionale rivolta al cambiamento, da questi risultati, confrontandoci con tutti i rappresentanti di Lazio, Puglia, Calabria, Campania, Basilicata, Molise, Abruzzo, Sicilia, siamo pronti (in quanto forza di governo!!!) ad avviare una nuova era all’insegna della lotta alla disoccupazione e alla sicurezza dei nostri figli e nipoti!!!”

Con queste parole, il Senatore Fusco lancia un vero e proprio appello per l’unione di una Patria che negli ultimi anni è stata sempre più sfruttata, emarginata e svuotata di principi, valori e attenzione verso le problematiche giovanili a lui molto care. Ci auguriamo che questa nuova classe dirigente lavori al meglio per rivalutare un territorio troppo spesso bistrattato, ma consapevole di avere talmente tante ECCELLENZE da renderlo, a tutti gli effetti, unico al mondo.

Mirko Crocoli           

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Segui via Email
Facebook
Facebook
Google+
http://www.corrierenazionale.net/2018/07/13/salvini-fusco-dalla-tuscia-con-furore
Twitter