fbpx

La Ue pronta a incontrare l’Italia sui ricollocamenti

Print Friendly, PDF & Email

SDEGNO DI MALTA PER LE ACCUSE DI SALVINI SUI MIGRANTI

L’Ue e’ pronta a incontrare l’Italia sui ricollocamenti, come ha chiesto il premier Conte dopo il vertice di stanotte a Palazzo Chigi. Intanto, il governo di Malta “esprime sdegno e sorpresa per le false accuse del ministro Salvini” sul mancato rispetto degli impegni per la redistribuzione volontaria e “invita il governo italiano a rivedere i suoi dati e astenersi dal ripeterle in futuro”. L’Oim chiede in futuro “meccanismi di sbarco piu’ rapidi e soluzioni di accoglienza solidali e affidabili”. Sbarco di 51 migranti in Calabria, una persona risulta dispersa; arrestati due presunti scafisti.

Il commissario dell’Unione europea per l’immigrazione Dimitris Avramopoulos e’ pronto a incontrare il governo italiano per parlare di passi ulteriori che possono essere presi per ottimizzare il lavoro sui ricollocamenti dei migranti. Lo ha detto il portavoce della Commissione Natasha Bertaud ribadendo il fatto che la Commissione e’ “sollevata” per l’accordo trovato che ha permesso lo sbarco dei migranti delle navi Sea Watch 3 e Sea Eye. “L’Italia e’ disposta a ricevere un certo numero dei migranti sbarcati a Malta, con priorita’ per donne e bambini”, ha detto e ha spiegato che per quanto riguarda il ricollocamento dei migranti sbarcati precedentemente, in seguito ad accordi ad hoc, molti dei 220 ricollocamenti promessi sono stati fatti mentre qualche caso e’ in sospeso. Sulla questione dei ricollocamenti, “il commissario Avramopoulos e’ ovviamente disponibile a incontrare il governo italiano per discutere di ulteriori passi da prendere per regolare la questione”, ha detto.

Condividi la news

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Segui via Email
Facebook
Facebook
Google+
http://www.corrierenazionale.net/2019/01/10/la-ue-pronta-a-incontrare-litalia-sui-ricollocamenti
Twitter