fbpx

Via libera alla riforma madia sugli statali

Diritti del CittadiniLavoro

C’e’ il si’ definitivo del Cdm alla riforma degli statalitargata Madia. Tra le novita’, che viaggiano su due decreti, le assunzioni ‘extra’ per i precari, un codice dei licenziamenti, la creazione del polo unico Inps per le visite fiscali e il riordino della valutazione. Gli effetti di una ‘pagella negativa’ saranno determinati su un doppio binario: il lato economico spetta al contratto, quello disciplinare (che dopo 3anni puo’ portare al licenziamento) all’amministrazione, in base al piano delle performance.

Via libera definitivo del Cdm alla riforma Madia sugli statali. “I punti importanti sono quattro e il piu’ rilevante riguarda la direttiva all’Aran” che consentira’ di “aprire la stagione contrattuale per i dipendenti pubblici”. Ora “abbiamo le carte in regola”, per lo sblocco dei contratti nel pubblico impiego. Prima “la legislazione ereditata non ci consentiva” lo sblocco.

Con il via libera definitivo ai decreti attuativi sugli statali “a breve” si potrà riaprire la stagione contrattuale per i pubblici dipendenti. Lo ha affermato il ministro della pubblica amministrazione, Marianna Madia, dopo il consiglio dei ministri. Madia ha sottolineato che la stagione dei contratti non ha solo un “tema economico” ma “c’era anche un tema normativo che non ci consentiva di riaprire la stagione dei contratti e noi oggi abbiamo le carte in regola dal punto di vista normativo”. “Questi decreti mi consentiranno di dare, in un tempo breve, la direttiva all’Aran e quindi di aprire finalmente la stagione contrattuale per i pubblici dipendenti”, ha sottolineato.

“Superiamo il precariato e il cattivo reclutamento ereditato”. Così il ministro per la Pa Marianna Madia. “Ora abbiamo bisogno di riaprire le assunzioni nel pubblico impiego, fare entrare i giovani ma non di qualunque professionalità” ma “quelle che servono per il servizio al cittadino”, ha detto.

Arriva da settembre il “polo unico delle visite fiscali che verranno gestite dall’Inps che già le gestivano per i dipendenti privati”. Lo ha confermato il ministro della pubblica amministrazione, Marianna Madia, dopo il consiglio dei ministri che ha approvato in via definitiva i decreti attuativi della riforma sugli statali. Per i medici fiscali, come era stato “già” indicato nel testo preliminare, ha spiegato la ministra, “adesso l’Inps dovrà rivedere la convenzione alla luce del fatto che c’è una responsabilità più importante che è quella anche dei dipendenti pubblici” oltre che di quelli privati.

Le misure contro i furbetti del cartellino stanno “dando prova di essere efficaci”. Così il ministro per la Pa Marianna Madia alla conferenza stampa dopo il cdm che ha approvato in via definitiva due dlgs sugli statali. “Dal monitoraggio del ministero abbiamo la prova concreta dell’efficacia delle sanzioni laddove c’è una mancata efficienza del servizio”, spiega. Quindi non si è trattato di norme “sbandierate” c’è la “prova della loro efficacia”, ha detto, citando un recente caso di applicazione delle misure in Emilia Romagna.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE