fbpx

A Rabat la più alta torre d’Africa

Estero

China Railway Construction Corp (CRCC) e Travaux Généraux de Construction de Casablanca (TGCC),  una joint venture cino-marocchina (60% per CRCC e 40% TGCC), stanno per realizzare la più alta torre dell’Africa.

Si svilupperà su un’altezza di 250 metri per un costo complessivo di 375 milioni di dollari, un grattacielo che si innalza su 45 piani di 86.000 mq che ospiterà negozi al pianoterra, uffici nei successivi 12 livelli e dal tredicesimo piano sistemazioni alloggiative di notevole pregio e un Hotel di lusso sugli ultimi 4 piani.

L’insieme, sarà comprensivo di un’auditorium da 350 posti. Un terzo della  superficie totale della facciata, in linea con gli impegni del Marocco verso lo sviluppo sostenibile, potrà beneficiare di pannelli fotovoltaici, al fine di soddisfare le esigenze di energia elettrica dell’intero stabile.

Il complesso è stato progettato dall’architetto spagnolo Rafael De La Hoz e dall’architetto marocchino Hakim Benjelloun, finanziato dalla BMCE (Banque Marocaine du Commerce Extérieur). Il grattacielo “sorgerà” su un territorio di tre ettari, nella valle del Bouregreg, sulla riva destra dalla parte di Salè. La costruzione, rappresenta una componente importante dello sviluppo integrato della città di Rabat, un progetto 2014-2018  soprannominato “Città della Luce, Rabat, capitale marocchina di cultura”, lanciato dal Sovrano Mohammed VI nel maggio 2014.

Questa nuova sequenza di sviluppo prevede anche la costruzione di diverse altre strutture con caratteristiche altamente innovative, come il “Grand Theatre di Rabat”, la “Maison des Arts et de la Culture”, la biblioteca degli “Archivi Nazionali del Regno del Marocco”, il Museo Archeologico e delle Scienze della Terra”, un cinema multisala, una galleria di scultura, un “Art Hotel”, un porto turistico, un centro commerciale con vari negozi, un centro business, un residenze e strutture pubbliche e private.

Luigi Palumbo

Redazione estera Area Mediterranea, Balcani e Paesi Arabi

 

 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE