fbpx

Torino. Morta la donna travolta dalla folla in Piazza San Marco

Cronaca

MORTA ERIKA PIOLETTI, FERITA IN RESSA A TORINO IL 3 GIUGNO DOPO 12 GIORNI DI AGONIA

E’ morta ieri sera, dopo 12 giorni di agonia, Erika Pioletti, 38 anni, di Domodossola, la piu’ grave delle 1.527 persone rimaste a Torino in piazza San Carlo lo scorso 3 giugno, nella ressa durante la trasmissione sul maxischermo della finale di Champions tra Juventus e Real Madrid. Travolta dalla folla in preda al panico, la donna aveva riportato un infarto da schiacciamento. Sul fronte delle indagini c’e’ una pista che gli investigatori seguono con interesse: quella delle persone che hanno avvertito ”difficolta’ respiratorie” e sintomi simili a quelli prodotti da ”sostanze urticanti”. Per questo la Procura di Torino ha affidato ai vigili del fuoco degli accertamenti sull’impianto di areazione del parcheggio sotterraneo, rimasto aperto. ”In un momento di cosi’ profondo dolore, ogni parola sarebbe superflua”, dice la prima cittadina Chiara Appendino. 

E’ morta dopo 12 giorni di coma Erika Pioletti, la donna di 38 anni, di Domodossola, rimasta schiacciata dalla calca la sera del 3 giugno in Piazza San Carlo a Torino. Erika, le cui condizioni sono apparse subito gravissime e che aveva subito un lungo arresto cardiaco per effetto della compressione del torace si è spenta alle 21,56 di ieri sera. Nei giorni scorsi era stata aperta una finestra nella sua sedazione, ma le sue condizioni erano apparse critiche ed è stata nuovamente sottoposta a coma farmacologico.

I parenti, il fidanzato e i genitori, che le sono stati sempre accanto, avevano chiesto che non ci fosse accanimento terapeutico. Malgrado il loro consenso, la donazione degli organi non ha potuto essere effettuata perchè la salma resta a disposizione dell’autorità giudiziaria. La sindaca di Torino Chiara Appendino ha dichiarato il lutto cittadino per il giorno dei funerali. “In un momento di così profondo dolore – ha scritto sulla sua pagina Facebook -, ogni parola sarebbe superflua.

Posso solo esprimere le più sincere condoglianze mie e di tutta la Città a famigliari e amici di Erika. Per il giorno dei funerali sarà proclamato il lutto cittadino”. La morte di Erika avrà inevitabilmente ripercussioni sull’inchiesta condotta dalla Procura della Repubblica di Torino che dovrà ipotizzare accanto al reato di lesioni plurime anche quello di omicidio colposo.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE