fbpx

Parigi: Torna il terrore

Cronaca

 

Torna la paura a Parigi. Un uomo al volante di un’auto si è diretto volontariamente contro un furgone della polizia sugli Champs-Elysées. Il veicolo, all’interno del quale sono state ritrovate bombole di gas ed esplosivo, avrebbe preso fuoco dopo l’urto contro la camionetta delle forze dell’ordine. L’azione, conclusa con la morte dell’attentatore, armato e conosciuto dall’intelligence, si è svolta a poche centinaia di metri dall’Eliseo, dove in serata il presidente Emmanuel Macron riceverà per una cena ufficiale il re di Giordania, Abdallah II.
L’uomo, nato nel 1985, era stato inizialmente estratto ferito dalla sua auto.

Adan Lofti Djaziri, l’attentatore di Parigi già schedato con la lettera ‘S’ degli individui a rischio radicalizzazione, era titolare di regolare porto d’armi: è quanto riferisce Bfm-Tv, precisando che aveva ottenuto un permesso per tre armi di uso sportivo valido fino al 2020.

Red.ag.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE