fbpx

La fortuna di morire nel giorno della Divina Misericordia

Senza categoria

Lettera sul blog “Come Gesù”:

“Festa della Divina Misericordia – Chi in quel giorno si accosterà alla Sorgente della Vita otterrà la remissione completa delle colpe e delle pene.

Vorrei capire questa cosa, cosa accade concretamente in questo giorno? Può farmi degli esempi pratici per capire? Se ho ben capito, si diventa candidi ed è come se nascessi in quel momento senza nessuna macchia sull’anima, insomma: puro. E se ho sempre ben capito se morissi in quel giorno andrei in paradiso direttamente senza passare per il purgatorio. Ho ben capito?”

Una riga della risposta di don Mauro Leonardi: “E’ proprio come dici. Ed è commovente che questo succeda grazie ad una donna che ha molto sofferto in vita sua…

Chiacchiere in purgatorio

L’anima di Berenice: “Amiche mie, guardate che qui in purgatorio non si fanno pettegolezzi, non vorrete mica che ci allunghino la pena?”

L’anima di Mirta: “Hai ragione, Berenice, hai ragione, ma certe cose proprio non mi vanno giù”

L’anima di Dorotea: “Sono d’accordo con Mirta, Berenice cara, te la ricordi Cloe, quella che nella vita ne ha combinate di cotte e di crude?

L’anima di Berenice: “Sì che me la ricordo, non era certo un’anima candida”

L’anima di Mirta: “Bene, lo sai che dopo morta la Cloe è filata dritta dritta in paradiso?”

L’anima di Alma: “Calma, anime belle. Una ragione c’è, mi sono informata: Cloe è morta poco tempo dopo aver fatto la comunione nel giorno della festa della           Divina Misericordia. Per questo le sono state annullate tutte le pene”

L’anima di Mirta: “Beh, ha avuto un bel… scusate, scusate, ogni tanto dimentico dove siamo, volevo dire una bella fortuna”

L’anima di Celeste: “Perdonatemi se intervengo nella vostra conversazione, m’interessa. Guardate che anch’io nel giorno della festa della Divina Misericordia mi sono confessata e ho fatto la comunione, ed eccomi qua assieme a voi a scontare la mia pena”

L’anima di Alma: “Magari avrai fatto qualche brutto peccato in seguito”

L’anima di Celeste: “Ma che dici amica mia? Non ne avrei avuto il tempo, m’investì una macchina appena misi piede fuori della chiesa. Un maledetto ubriaco al volante. Morta sul colpo.”

L’anima di Alma: “Significa allora che non ti attenesti scrupolosamente alle regole, magari non avrai pregato il Credo e il Padre Nostro, non avrai pregato una pia invocazione in onore della Divina Misericordia.  Dicesti, per esempio: «Gesù, confido in te!»?”

L’anima di Berenice: “O magari, prima di spirare avrai maledetto l’ubriaco che ti ha investito. Eppure ti stava facendo un favore: ti mandava dritta in paradiso”

L’anima di Mirta: “Io ignoravo questa faccenda delle indulgenze, altrimenti ci avrei provato. Insomma, per filare dritti in paradiso, per noi poveri peccatori, è anche questione di… scusate, scusate, ci stavo ricascando, questione di fortuna. Un po’ come vincere un terno al lotto”.

L’anima di Alma: “Beh, non esagerare, però, sì, una bella dose di fortuna ci vuole. Bisogna esser cattolici, ben informati sulle indulgenze, pentitissimi, nessun affetto per il peccato anche veniale… “.

Carmelo Dini


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE