fbpx

Droga e arresti nel Salento

Cronaca

Continua lo sbarco di droga sulle coste salentine proveniente dall’Albania.

Militari della Guardia di Finanza hanno bloccato nelle acque del Canale d’Otranto un gommone carico di marijuana e armi, dove a bordo sono stati trovati oltre 1.700 kg di marijuana, un fucile mitragliatore tipo Kalashnikov e 60 proiettili.

Tre cittadini albanesi che erano a bordo sono stati arrestati.

La loro imbarcazione è stata avvistata, mentre si dirigeva verso le coste italiane, dagli equipaggi delle unità aeronavali della Guardia di Finanza.

L’operazione è avvenuta alle 19.30 circa di ieri.

I trafficanti non si sono fermati all’alt: è cominciato un inseguimento che si è concluso con l’abbordaggio del gommone da parte della Fiamme gialle, a poche miglia al largo di San Foca di Melendugno. Il gommone, è stato condotto agli ormeggi dagli uomini della Sezione Operativa Navale della Guardia di Finanza di Otranto. A bordo del natante posto sotto sequestro, è stato rinvenuto un fucile mitragliatore tipo kalashnikov e due caricatori con 30 proiettili ciascuno. La marijuana, confezionata in 76 colli di varie dimensioni, pesa complessivamente oltre 1.741 kg. che al mercato clandestino – secondo gli investigatori – avrebbe fruttato al dettaglio oltre 17 milioni di euro. Gli scafisti, tre tutti di nazionalità albanese, sono stati arrestati per detenzione e traffico internazionale di stupefacenti, introduzione illegale di armi da guerra. Dall’inizio dell’anno 2017, sono circa 35 le tonnellate di marijuana trasportata via mare sequestrate.

 Antonio RUSSO


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE