fbpx

Lecce, detenuto si toglie la vita nel carcere del capoluogo

Cronaca

Mastrulli (Co.s.p.) : “ il sistema penitenziario e’ da riformare”

Un altro decesso si è verificato nella notte  fra venerdì e sabato nel carcere di Lecce. A togliersi la vita nella propria cella un detenuto di nazionalità marocchina. Per il coordinamento sindacale penitenziario, la lista delle morti in carcere richiede una totale revisione del sistema penitenziario italiano. “Qualsiasi decesso nelle prigioni italiani,e’ sempre una sconfitta dello Stato,una vita in meno, un fallimento sul piano della sicurezza detentiva”.

Lo sottolinea il segretario generale nazionale del sindacato autonomo Co.s.p Domenico Mastrulli subito dopo la notizia del suicidio avvenuto la scorsa notte nel carcere di Lecce dove un detenuto di nazionalità marocchina di 59 anni si è tolto la vita impiccandosi con un lembo di tessuto elastico legato alle sbarre  di una finestra della cella. A nulla è servito il tentativo di rianimazione ad opera degli agenti di polizia penitenziaria e del personale medico e infermieristico. Per l’uomo non c’è stato nulla da fare.

Si allunga l’elenco dei suicidi nelle carceri italiane, con oltre dieci casi dall’inizio dell’anno. “Alla base di ogni decesso negli istituti di pena italiani che  contano oltre 58mila detenuti c’è il sovraffollamento. In Puglia abbiamo superato la soglia dei 3mila 400 ristretti contro una capienza di 2.300 posti letto e un organico insufficiente a garantire la sicurezza. Secondo Mastrulli l’episodio di Lecce deve far riflettere sulle pessime condizioni in cui versa il sistema carcerario nazionale, l’inadeguatezza delle strutture con dotazioni organiche insufficienti.  Perplessità  sull’utilizzo dei metodi di “vigilanza dinamica”, un sistema inappropriato se non accompagnato da un potenziamento di risorse, sia umane che tecnologiche. Il sindacato Co.s.p. auspica che  la tragedia consumatasi la notte scorsa nel carcere di Lecce sia l’ultima da scrivere nella pagina nera delle prigioni italiane e pugliesi.

Ufficio Stampa Nazionale Co.s.p.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE