fbpx

Le cittadinarie

Italiani nel mondo

E ora di introdurre le cittadinarie per adempiere in pieno all’ articolo 49:  Tutti i cittadini hanno diritto di associarsi liberamente in partiti per concorrere con metodo democratico a determinare la politica nazionale.”  Ovverossia , prima la formazione delle liste e poi la sottoscrizione dei cittadini. Il futuro legislatore lo devono scegliere i cittadini e non il partito o una ditta, altrimenti si viola il libero mandato.

Con le cittadinarie il partito, movimento o associazione e ditta inclusa, prima di candidare qualcuno ci pensa mille volte, alla fine se vuole che i cittadini/elettori “sovrani” sottoscrivono la loro lista, sceglieranno i piu’ qualificati e adeguati, Con questo meccanismo, nessuno candiderebbe un indagato o imputato, oppure un “moralmente indegno” , e’ della Cosa Pubblica che stiamo parlando. Noi di tanto in tanto le cittadinarie le ricordiamo, perche’ a differenza delle primarie introdotte dal PD e le parlamentarie in rete del M5S, e’ l’ unico metodo democratico di determinazione della politica nazionale, che rispecchia la libertà’ di voto e di scelta, come narra l’ articolo 48 della Costituzione repubblicana. Quando in democrazia si parla del voto libero, si parla anzi tutto del futuro legislatore. 

Carmine Gonnella Londra  


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE