fbpx

Cos’è il buran, il vento che sta gelando l’Italia

Ambiente & Territorio

 Giuditta Mosca

Raramente il buran raggiunge l’Europa Occidentale anche se ci sono precedenti

Tempo gelido sulla Penisola, come ampiamente riportato da molti media. Il responsabile di questo inverno atipico è il buran, un vento gelido tipico dell’ovest degli Urali che, di norma, prosegue il suo viaggio verso est fino all’Asia.

Con minore frequenza, come sta accadendo in questi giorni, il buran si spinge fino a ovest raggiungendo il cuore dell’Europa. Le cause sono da ricercare in una forte depressione che annichilisce gli effetti anticiclonici e non è raro che il buran porti con sé neve tanto copiosa da ridurre drasticamente la visibilità.

Alle nostre latitudini il buran ha fatto sentire i suoi effetti nel 1956, lasciando l’Italia e gran parte dell’Europa al freddo per un mese, caratterizzato da nevicate abbondanti. Altri episodi si sono verificati nel gennaio del 1963, poi nel gennaio del 1979, nel mese di marzo del 1987 e durante il dicembre del 1996.

In tempi ancora più recenti va ricordato il freddo dell’inverno 2012, che ha colpito l’Europa e parte del Nord Africa.

In Italia, tra le città più colpite: Torino, in cui le temperature minime sono crollate fino a 12 gradi sotto lo zero. In Finlandia la colonnina di mercurio è scesa fino a 39,2° sotto zero e, per quanto atipico, è un dato meno clamoroso dei 20 centimetri di neve che hanno imbiancato l’Algeria (soprattutto la capitale Algeri) e le abbondanti nevicate cadute sul Sahara. Il freddo è durato quasi un mese, dal 27 gennaio al 20 febbraio del 2012, costando la vita a 650 persone, 57 delle quali in Italia stando ai numeri riportati da Repubblica nell’edizione del 12 febbraio dello stesso anno.

Anche nel 2017 gli effetti del buran si sono fatti sentire in Italia e in parte dell’Europa. Nevicate atipiche in Grecia e anche nel Sud dello Stivale, anche se meno copiose di quelle cadute sull’area marsicana dove hanno superato i due metri e la temperatura ha raggiunto 13 gradi sotto zero.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE