fbpx

Habemus Fico e Casellati!

Politica

L’accordo centrodestra-M5S ha dato i suoi risultati: Roberto Fico (M5S) è il nuovo presidente della Camera dei Deputati, Maria Elisabetta Alberti Casellati (FI) lo è al Senato.

Storica intesa tra le due forze politiche che hanno vinto le elezioni dello scorso 4 marzo e che si stanno contendendo lo scettro del vero vincitore. Tuttavia, questo è un boccone amaro per Forza Italia che ha concesso a Salvini l’eventuale posto da Primo ministro, in caso di governo di centrodestra, in cambio della presidenza del Senato. Una concessione tutt’altro che scontata a causa di un’amara accettazione della ‘sconfitta’ del partito di Berlusconi di fronte alla forza dirompente della Lega di Salvini che ha sottratto molti dei consensi proprio a Fi. Risposta al bisogno italiano di dare un nuovo volto al centrodestra.

Tuttavia, si può notare come in realtà “sia nata una nuova maggioranza Salvini-Di Maio”, così come affermato da Rosato e Guerini del Partito Democratico e che per il momento abbia funzionato.

Esaminiamo chi sono i neoeletti presidenti alle Camere. Iniziamo dalla prima donna a sedersi sulla poltrona di presidente del Senato: Maria Elisabetta Casellati. Classe 1946, è una berlusconiana di prima ora, aderendo a Fi sin dalla sua fondazione; avvocato, tra gli ultimi incarichi figura la vicepresidenza del gruppo nello stesso.

Ha dedicato il suo discorso (post-elezione) a tutte le donne che con ‘le loro storie, azioni, impegno, esempio e coraggio hanno costruito l’Italia di oggi. […] Penso alle mai abbastanza ricordate eroine del Risorgimento che hanno lottato per quel sogno chiamato Italia’; senza dimenticare di citare la senatrice a vita Liliana Segre, simbolo della lotta antifascista.

Roberto Fico, classe 1974 è il neoeletto presidente della Camera dei Deputati. È tra i pentastellati della prima ora, nel 2013 diventa presidente della Commissione di Vigilanza Rai. Ribadisce nel suo discorso tre principi: “garantire un alto livello qualitativo della discussione parlamentare, il rispetto di tutte le componenti sia della maggioranza che dell’opposizione, interpretare lo spirito di cambiamento che i ci hanno cittadini espresso nelle ultime consultazioni elettorali”.

Se questo accordo tra i vincitori delle elezioni ha dato un primo risultato, ora bisognerà attendere se esso verrà raggiunto anche per la formazione del nuovo governo; impegno che, al momento, non lascia intravedere nessuna soluzione da parte delle forze politiche né del presidente della Repubblica Mattarella che non ha lasciato trapelare nessuna decisione.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE