fbpx

Tutela del patrimonio culturale: il Messico segue l’Italia

Cronaca

CITTÀ DEL MESSICO – “Nell’ambito dei rapporti di cooperazione internazionale avviati con la firma dell’intesa del 18 gennaio 2017 con la Policía Federal messicana, l’Arma dei Carabinieri parteciperà all’inaugurazione in Messico, il prossimo 28 marzo, della neo-costituita “Unidad de Tutela del Patrimonio Cultural”, fondata sul modello del Comando Carabinieri per la Tutela del Patrimonio Culturale (TPC) e composta da personale addestrato interamente dall’Arma e inquadrato nella Divisione di Gendarmería, alle dipendenze del Capo della Policía Federal”. 

“Sebbene i Carabinieri vantino una lunga storia di formazione e addestramento delle Polizie di molti Paesi —spesso in teatri di conflitto o in zone delicate del mondo— “è la prima volta che viene costituito un reparto “gemello” al Comando Carabinieri TPC presso una forza di polizia estera a competenza nazionale, quale è la Policía Federal messicana”, ha spiegato a Puntodincontro il Tenente Colonnello Luigi Bramati, Addetto Aggiunto per la Difesa presso l’Ambasciata d’Italia a Washington DC, ufficio militare che ha competenza anche per il Messico.

“Oltre alla formazione del personale», ha continuato Bramati, «i Carabinieri hanno promosso una stretta sinergia —sul modello Arma Carabinieri-Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo (MiBACT)— anche tra la Policía Federal e l’autorità messicana incaricata della protezione dei beni culturali, artistici e storici, ovvero la Secretaría de Cultura, nelle sue due articolazioni Instituto Nacional de Antropologia y Historia (INAH) e Instituto Nacional de Bellas Artes (INBA), che verrà suggellata dalla firma di un accordo tecnico tra i vertici delle tre istituzioni federali, nell’ambito della cerimonia del prossimo 28 marzo, che si terrà presso il Museo Nazionale di Antropologia e Storia a Città del Messico”.

“L’Arma”, ha aggiunto Bramati, “ha avviato attività formative in Messico già dal mese di ottobre del 2017, mediante l’invio di Ufficiali e Sottufficiali qualificati del settore e con il distacco di un consulente nella capitale, esperto in cooperazione internazionale, con funzioni di collegamento tra l’Arma, la Policía Federal e le istituzioni locali”.
“Giusto per citare un esempio, al fine di verificare le capacità acquisite dal personale messicano, è in atto una missione tecnica di Militari del Comando Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale e di Esperti del MiBACT tratti dal dispositivo dell’UNESCO “Unite4Heritage” —dedicato all’intervento su scala internazionale in caso di conflitti, calamità naturali e ogni evento in pregiudizio del patrimonio dell’umanità—, che sta supportando i colleghi messicani della Gendarmeria nel recupero di opere d’arte dai siti danneggiati dal forte sisma del 19 settembre 2017 nel Messico centrale”.

L’evento del prossimo 28 marzo a Città del Messico vedrà la partecipazione di autorità messicane e internazionali, tra cui il Rappresentante dell’UNESCO in Messico, nonché una nutrita delegazione dell’Arma, capeggiata dal Generale di Brigata Fabrizio Parrulli, Comandante del Comando Carabinieri per la Tutela Patrimonio Culturale, in rappresentanza del Comandante Generale, Generale di Corpo d’Armata Giovanni Nistri.

L’Arma dei Carabinieri e il MiBACT, legati da forti legami di collaborazione per la tutela del patrimonio culturale, promuovono l’expertise italiana nel mondo e il modello di azione congiunta tra istituzioni nazionali che, pur con distinte organizzazioni, operano sinergicamente per il bene della storia, della cultura e del patrimonio nazionale, valori fondamentali di ogni civiltà”.  


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE