fbpx

Di maio, l’intesa passa al referendum tra i lavoratori 

Lavoro

Accordo per Tim, solidarieta’-uscite solo volontarie. Di Maio, l’intesa passa al referendum tra i lavoratori 

Sindacati e azienda hanno raggiunto un’intesa sul futuro dei lavoratori Tim. La cigs di 12 mesi per 29.736 lavoratori e’ stata tramutata in solidarieta’ difensiva, i 4.500 esuberi strutturali previsti sono stati completamente assorbiti da strumenti volontari di uscita con prepensionamenti. L’intesa raggiunta sara’ posta ora all’attenzione dei lavoratori con apposite assemblee. Di Maio: ‘Massima attenzione su accordo e sue conseguenze, dovra’ passare da referendum interno, principio alla base M5S’.

Tra Tim e’ sindacati e’ stata “raggiunta un’intesa molto importante ed articolata, che verra’ posta all’attenzione delle lavoratrici/lavoratori nelle prossime ore con apposite Assemblee”. Lo rivelano fonti sindacali, secondo le quali le principali condizioni ottenute sono: cassa integrazione di 12 mesi per 29.736 lavoratori a rotazione per 26 giornate anno su base mensile tramutata in “solidarieta’ difensiva” pari al 10 % e medesimo meccanismo di una tantum precedente; 4.500 esuberi strutturali sono completamente assorbiti dall’utilizzo di strumenti volontari di uscita; uscite volontarie cosi’ articolate: sblocco dell’accordo vigente per il 2018, possono uscire coloro che entro il 31 dicembre 2018 maturano nei successivi 4 anni il diritto a pensione cioe’ al 31.12.2022 (circa 1.000 lavoratori) nel biennio 2019/2020 rispetto ad una base esodabile individuata di massimo 4.000 unita’. Chi esprima il consenso di aderire entro il 2019 e maturi il diritto a pensione il 31.05.24 puo’ usufruire di uno scivolo di 5 anni e 6 mesi. Chi esprima il consenso di aderire entro il 30 novembre 2020 e maturi il diritto a pensione entro il 31 dicembre 2025 puo’ usufruire di uno scivolo di 6 anni. Quindi sono complessivamente 5.000 le potenziali uscite volontarie. Contestualmente l’impegno ad aprire a settembre 2018 un confronto per superare l’attuale regolamento aziendale unilaterale e definire un secondo livello in maniera pattizia mettendo immediatamente al centro la situazione dei livelli inquadramentali, il part time, le dinamiche economiche e normative della parte on field, lo smartworking.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE