fbpx

 Naugurato a manoppello il centro di documentazione su marcinelle

Senza categoria

PESCARA – “Finalmente un luogo della memoria, ma anche di studio e documentazione, sulla tragedia avvenuta nella miniera belga di Bois du Cazier a Marcinelle, l’8 agosto 1956, nella quale trovarono la morte numerosi minatori. Un dramma che è divenuto simbolo dell’emigrazione italiana nel mondo. I morti erano prevalentemente abruzzesi (62), soprattutto provenienti da Manoppello, Turrivalignani, Lettomanoppello, ma anche da Farindola, Castel del Monte, ecc”. È un articolo pubblicato nell’ultimo numero di “Abruzzo nel Mondo” ad annunciare la nascita del Centro di Documentazione su Marcinelle a Manoppello.
“Il centro, situato in piazza San Francesco, contiene la mostra permanente “Cuore Amato”, realizzata dall’associazione “Marcinelle, per non dimenticare”, dopo anni di ricerche.
Alla base dell’iniziativa va segnalata l’encomiabile e appassionata opera di Davide Castellucci, presidente dell’associazione, da tempo impegnato nell’acquisizione di documenti, giornali e riviste riguardanti la catastrofe avvenuta nella miniera belga.
Un archivio che oggi conta oltre 4mila documenti, di straordinaria per comprendere l’emigrazione italiana nel primo dopo guerra. Nel Centro è presente anche una sezione con attrezzature provenienti da una miniera dismessa, frutto di una donazione privata. Ha creduto nell’iniziativa la Fondazione Pescarabruzzo, che ha erogato un contributo. L’impegno dell’associazione è diretto in prospettiva a realizzare un archivio digitale da mettere a disposizione di studiosi italiani e stranieri.
L’inaugurazione del Centro – avvenuta il 15 giugno – è stata preceduta da un momento di ricordo e di raccoglimento per le vittime dell’incidente minerario, con un breve corteo dalla sede comunale alla vicina piazza Marcinelle e quindi con la deposizione di una corona sulla targa che ricorda la tragedia, alla presenza di familiari dei caduti e di ex minatori.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE