fbpx

Le strategie

Politica italiana

Come avevamo anticipato, l’Esecutivo tira avanti. Entro fine anno, si dovrebbero, però chiarire alcuni seguiti politici che, francamente, stonano. Le eventuali, verifiche, si terranno, ove del caso, non prima del prossimo autunno. Se non altro, l’anno prossimo potrebbe essere il primo nel quale l’Italia sarebbe in grado ritrovare un certo equilibrio economico e sociale. A livello politico, preferiamo evitare riflessioni; anche per eludere amare sorprese.

Chi andrà a qualificare Potere Legislativo ed Esecutivo sarà il Contratto di Governo Di Maio/Salvini. Intanto, sarà necessario compiere una seria verifica dei quadri politici. Le vecchie strategie non hanno più da essere “vitalizzate”. E’inutile credere nei cambiamenti “ a itinere”. In politica ci sono variabili imprevedibili e, di conseguenza, da non sottovalutare.

Circa gli alleati di Governo, non ci sentiamo d’esprimere pareri né in negativo, né in positivo. Le alleanze non sono eterne e neppure gli uomini che le hanno favorite.

Ci sono, invece, degli atteggiamenti che dovrebbero essere meglio rilevati proprio nell’area dell’Esecutivo. Le strategie, al punto in cui siamo, non possono intendesi come scontate. Del resto, non tutti le condividono. E l’hanno fatto intendere da subito. Le “crisi” d’Italia non sono state mai impreviste e di ciò prendiamo atto. Se ci saranno dei ripensamenti, che da subito non escludiamo, non dovrebbero essere intesi come una miglioria delle “strategie”politiche. L’accoppiata Di Maio/Salvini, e squadra al seguito, piaccia o no, dovrà tenere in vita questo Esecutivo. Sulle strategie che saranno adottate, ci schiereremo dopo il varo della legge di stabilità per l’anno in corso.

Giorgio Brignola


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE