fbpx

Bari in pressing verso gli under, Brienza e Bellomo

Sport & Motori

Nessuna novità sostanziale nel laboratorio Bari. Si continua a lavorare sodo agli ordini di Cornacchini con una squadra ancora da completare. Le trattative in atto sono quelle che porteranno all’arrivo presso il Park Hotel Mancini Mauro Bollino, proveniente dalla Sicula Leonzio via Fermana che ne detiene il cartellino, e Zaccaria Hamlili, 27 anni, centrocampista italiano di origine marocchina. Ma l’attenzione è volta al reclutamento di una squadra di “under” che vanno dal ’98 al 2000, mentre prosegue il colloquio con altri club relativamente alle relative “primavera” per portare quanti più ragazzi dotati tecnicamente possibili. Si è partito, ovviamente, dal Napoli che, in qualche modo, gioca in “casa”, attraverso il terzino sinistro Luigi D’Ignazio ed i centrocampista Diego Acunzo, entrambi del 1998, che già lavorano a Roma ma che devono ancora convincere mister Cormnacchini. Altri contatti sono già avviati con Roma, Atalanta e Torino per cercare di ottenere in prestito giocatori giovani e validi.

C’è da registrare un interessamento reale verso Ciccio Brienza al quale è stato offerto un contratto biennale, fascia di capitano inclusa, ma il fantasista ischitano (dove ha trascorso l’infanzia) ha bisogno di riflettere in quanto vuol trovare le motivazioni giuste per proseguire la sua carriera, ormai, al tramonto anche perché si sono fatte avanti altre squadre di C per ottenere le sue prestazioni. Non è difficile capire che Brienza potrebbe far prevalere il suo desiderio di rivalsa dopo il triste epilogo della scorsa stagione dal momento che era suo obiettivo, prima di appendere le scarpe al chiodo, riportare il Bari in serie A e, dunque, protrerrebbe scattare nella sua mente quel meccanismo di rivincita così da regalare al Bari un’ultima gioia, vale a dire quella di ritornare nei professionisti. Staremo a vedere.

La stessa cosa dicasi per Nicola Bellomo: una proposta gli è stata già fatta, ma il giocatore di Bari vecchia deve decidere se perdere lo status di professionista e di rassegnarsi a prendere meno denaro rispetto alla B, ma soprattutto deve capire se dalla Salernitana, squadra per la quale è ancora contrattualizzato, potrà ottenere una robusta buonuscita Staremo a vedere se in lui prevarrà il desiderio di tornare nella sua città o quello del dio denaro.

Massimo Longo


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE