fbpx

Si amplia la metropolitana di Catania: in fase di costruzione un nuovo tunne

Sicilia

Sono stati avviati, nella città di Catania, dei lavori urbani tramite cui si riuscirà ad ampliare la metropolitana cittadina attraverso la creazione di 3 nuove fermate.

Un cantiere decisamente “sui generis”

Si tratta sicuramente di un’opera considerevole e per questo si potrebbe essere portati a pensare a cantieri fastidiosi per la viabilità e ricchi di attrezzature, in realtà non è affatto così.

Le imprese che stanno lavorando su tale realizzazione non hanno richiesto, ad esempio, dei servizi di noleggio piattaforme aeree Palermo e in tutta la Sicilia come quelli proposti da imprese specializzate quali Giffi Noleggi, tantomeno è stato necessario transennare delle aree, impiegare delle pedane pedonali o costruire delle impalcature: il nuovo tunnel si sta costruendo in una modalità che ha davvero un qualcosa di eccezionale dal punto di vista ingegneristico.

In quel di Catania, infatti, è all’opera la Tunnel Boeing Machine, macchinario che è definito in gergo “la talpa”.

Come opera la Tunnel Boeing Machine

Quest’enorme macchina riesce ad effettuare degli scavi in modo completamente autonomo grazie ad un’impeccabile struttura e a un movimento studiato nel minimo dettaglio, e i suoi punti di forza non finiscono qui.

Mentre la Tunnel Boeing Machine scava, infatti, provvede anche alla costruzione del tunnel in senso stretto, attraverso l’installazione di conci.

I conci sono degli elementi in calcestruzzo a forma di anello che, venendo disposti in serie, vanno appunto a comporre il tunnel garantendo la massima sicurezza.

L’efficienza di tale soluzione è evidente, e consentirà di poter ultimare quest’opera davvero consistente in un lasso temporale piuttosto ristretto, pressoché imparagonabile rispetto a quello che si sarebbe necessario per eseguire i medesimi scavi in modo tradizionale.

Un progetto studiato nel minimo dettaglio

Ovviamente, nel progetto non è stato lasciato al caso nulla, ed è garantita massima stabilità e sicurezza.

Il livello di profondità del tunnel, anzitutto, è tale da non costituire alcun tipo di minaccia strutturale nei confronti degli edifici soprastanti, e questo è fondamentale sul piano della sicurezza, inoltre si è ovviamente prestato la massima attenzione nel preservare l’integrità dell’immenso patrimonio artistico e storico che può vantare la città di Catania, soprattutto nel suo centro storico.

Oltre ai tanti, evidentissimi vantaggi che “la talpa” riesce a garantire, si aggiunge quello già menzionato in precedenza, ovvero quello relativo al fatto che pur trattandosi di un’opera a dir poco importante, non è necessaria nessuna occupazione di cantiere.

Solo ed esclusivamente l’ultimo tratto del tunnel verrà effettuato con uno scavo tradizionale, per ragioni puramente tecniche, e a lavoro concluso la “talpa” verrà regolarmente estratta dal sottosuolo e sarà quindi disponibile per l’effettuazione di analoghi lavori di scavo e di realizzazione di tunnel.

Le caratteristiche del nuovo tunnel della metropolitana catanese

Le caratteristiche di questo nuovo tunnel metropolitano che arricchirà la città catanese sono considerevoli, a cominciare dalla sua lunghezza, la quale sarà pari a 2.177,52 metri.

Saranno 3 le nuove fermate che verranno realizzate grazie alla nascita di quest’infrastruttura, ovvero quelle di San Domenico, di Palestro e di Vittorio Emanuele; saranno inoltre previste 7 aperture equilibratrici.

Al momento esiste una data di stima entro la quale tale opera dovrebbe essere conclusa, ovvero il 2024, ed è evidente che si tratta di un lasso temporale tutt’altro che lontano.

Al di là delle eccezionali modalità operative con cui si sta realizzando tale opera, risulta evidente che l’intera città di Catania saprà trarre un grande beneficio dalla medesima; anche il traffico urbano, non di rado piuttosto elevato, potrebbe senz’altro attenuarsi grazie all’attivazione di questi nuovi collegamenti.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE