fbpx

La scomparsa di Massimo Bordin

Cronaca

Era un giornalista straordinariamente competente. La sua rassegna del mattino, “Stampa e Regime”, lo aveva imposto all’opinione pubblica italiana come il decano dei commentatori politici italiani. Era la voce più nota e amata di Radio Radicale, di cui è stato Direttore dal 1991 al 2010. Massimo Bordin ha fatto di Radio Radicale un servizio pubblico di formidabile livello ed indiscutibile valore.

Nel dare conto della vita politica, sociale e istituzionale italiana durante oltre quarant’anni di attività, RR ha raccolto un archivio di enorme interesse storico e civile: 540 mila registrazioni disponibili a tutti gli utenti in tutto il mondo.

Con misura pazzescamente liberticida il governo italiano vuole chiudere Radio Radicale. Il 21 maggio va, infatti, a concludersi la convenzione con il governo per la trasmissione delle attività istituzionali. Le parole pronunciate lunedì da Vito Crimi, sottosegretario cinquestelle all’Editoria, escludono ogni possibilità di proroga. Ascoltate l’ultimo vibrante appello di Bordin per la salvaguardia di RR.

“Salvate Radio Radicale!” – Il testamento politico di Bordin

Ada Pagliarulo annuncia, commossa, in diretta la scomparsa di Bordin

La dichiarazione di Alessio Falconio, direttore di Radio Radicale

 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE