Arte

Be Different una mostra collettiva con opere di 24 artisti

Roma Via Raffaele Cadorna 28, Opening: 13 giugno dalle 14 alle 18 13 – 30 giugno 4 2019 Rossocinabro è lieta di presentare Be Different una mostra collettiva con opere di 24 artisti. Roma è una città tra le più impegnate nell’arte contemporanea. L’interesse in questo settore è cresciuto negli ultimi anni soprattutto nella Capitale. Pubblico, privato, musei, spazi espositivi di ogni genere, antico e moderno, stratificazioni, ogni formula è sperimentata per creare interesse e porre l’attenzione ai nuovi linguaggi del contemporaneo. Nell’esposizione è evidente questa versatilità, stili e linguaggi diversi, che passano per le categorie della pittura, mixed media, fotografia, design e installazioni. L’attenzione ai diversi linguaggi, la conoscenza e lo scambio con gli altri trovano modalità concrete e canali privilegiati di realizzazione proprio nei linguaggi artistici ed espressivi. Aspirare ad avviare e a promuovere, passo dopo passo, la ricerca di una ragione comune, può infatti rendere conto di nuove possibilità di confronto e di crescita culturale. A cura di Cristina Madini.

Questa mostra riunisce artisti provenienti da Europa, Stati Uniti, Canada, Giappone, Corea del Sud, Australia e Russia, i cui scopi e pratiche artistiche, sebbene piuttosto diverse, condividono ampi interessi.
In mostra: Marco Azario, Claracarat, Juan Emilio Checa Quevedo, Woon Hyoung Choi, Wendy Cohen, Benny De Grove, Cees Dert, Robert Doesburg, Onno Dröge, Juliet James, Danny Johananoff, Marta Kisiliczyk, Erich Kovar, Kinga Lapot-Dzierwa, Rosana Largo Rodríguez, Noreen Larinde, Menno Vos, Elvio Miressi, Simone Monney, Makotu Nakagawa, Irena Procházková, Irina Volova, Anna Wode, Geek Zwetsloot Img guida: ‘Stolen’ acrilico e olio su tela 90 x 60 cm 2018 – Woon Hyoung Choi
Rossocinabro is pleased to present Be-Different, a group exhibition featuring the works of 24 artists. Rome is one of the busiest cities in Contemporary Art. The interest in this sector has grown in recent years, especially in the Capital. Public, private, museums, exhibition spaces of all kinds, ancient and modern, stratifications, each formula is experimented to create interest and focus attention on the new languages of the Contemporary. The versatility, different styles and languages that go through the categories of painting, mixed media, and photography are many evident in the exhibition. The attention to different languages, the knowledge and the exchange with others find concrete ways and privileged channels to realization precisely in artistic and expressive languages. Aspiring to start and to promote step by step the search for a common reason, can, sure enough, give new possibilities for comparison and cultural growth
This exhibit brings together artists from the Europe, USA, Canada, Japan, South Korea, Australia and Russia whose artistic aims and practices, although quite diverse, share some very broad concerns.
Artists: Marco Azario, Claracarat, Juan Emilio Checa Quevedo, Woon Hyoung Choi, Wendy Cohen, Benny De Grove, Cees Dert, Robert Doesburg, Onno Dröge, Juliet James, Danny Johananoff, Marta Kisiliczyk, Erich Kovar, Kinga Lapot-Dzierwa, Rosana Largo Rodríguez, Noreen Larinde, Menno Vos, Elvio Miressi, Simone Monney, Makotu Nakagawa, Irena Procházková, Irina Volova, Anna Wode, Geek Zwetsloot Curated by Cristina Madini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE