fbpx

Salute: Riccardi, entro metà agosto punto nascita a Latisana

Friuli Venezia Giulia

TRIESTE – “La prima metà del mese di agosto 2019 è il
termine fissato per il completamento del trasferimento del punto
nascita dalla struttura ospedaliera di Palmanova a quella di
Latisana”.

Così il vicegovernatore con delega alla Salute, Riccardo
Riccardi, rispondendo oggi in Consiglio regionale a
un’interrogazione riguardante le tempistiche per la chiusura del
punto nascita dell’Ospedale di Palmanova e il conseguente
trasferimento a Latisana.

Come ha illustrato all’Aula il vicegovernatore, partendo dalla
legge che ha espresso un indirizzo politico per la programmazione
regionale riguardante il punto nascita di Palmanova, “si deve
necessariamente considerare che le strutture che erogano
l’assistenza, ivi compreso il punto nascita di Latisana, devono
corrispondere a precisi requisiti strutturali e professionali
definiti dalla normativa nazionale. Questo processo prevede dei
tempi che, ancorché brevi, richiedono dei passaggi obbligati a
garanzia della sicurezza delle persone, nella fattispecie delle
mamme e dei loro bambini”.

“Sono già al lavoro – ha spiegato Riccardi – i gruppi che devono
occuparsi della gestione del personale, della logistica, delle
attività e dei servizi da erogare nelle due sedi e dei protocolli
sanitari. In questa operazione sono coinvolte, tra le altre, le
strutture operative di ostetricia e ginecologia, pediatria,
pronto soccorso, anestesia, direzione medica ospedaliera,
ingegneria clinica, oltre al sistema informativo e al servizio
infermieristico”.

In questo contesto, come sottolineato dal vicegovernatore, il
trasferimento delle attività relative al punto nascita impone una
certa urgenza, essendo in primo luogo presenti elementi di
criticità per quel che riguarda la situazione dell’organico
medico (ostetrico ginecologo). Inoltre, approssimandosi il
periodo estivo con maggior frequenza turistica, unitamente alla
necessità – come da contratto – di garantire le ferie agli
operatori sanitari in servizio, “la situazione è destinata a
esprimere una complessità gestionale aggiuntiva”.

“In base a queste motivazioni – ha concluso – si rende
necessario il trasferimento entro la prima metà del mese di
agosto 2019″.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE