fbpx

Il coronavirus è l’occasione per il più grande esperimento di corsi universitari online

Estero

Dalla Duke Kunshan alle New York Shanghai, gli atenei internazionali in Cina si sono dovuti attrezzare in fretta e furia per far fronte all’emergenza coronavirus e non far perdere agli studenti tempo prezioso. L’unica soluzione sono le lezioni via Internet e il modello che ne è venuto fuori potrebbe servire ovunque, anche in Italia

coronavirus universita lezioni online

© Ugo Barbàra / Agi – L’atrio deserto della Duke Kunshan University

Quando, a fine gennaio, hanno chiuso la porta delle loro stanze nei campus delle università internazionali fiorite negli ultimi anni in Cina, le migliaia di studenti che si sono messi in viaggio per il capodanno lunare pensavano di tornare dopo una settimana. Ora, un mese dopo l’esplosione della crisi del coronavirus, non hanno idea di quando potranno tornare. Tutte le loro cose sono chiuse negli alloggi di atenei prestigiosi come la Duke Kunshan University, alle porte di Shanghai, o la New York University e la Nottingham, nel cuore della metropoli cinese. Posti che raccolgono studenti da ogni parte del mondo e della elite cinese e che all’improvviso si sono trovati ad affrontare la più grave crisi immaginabile.

Una crisi ha sorpreso le università in pieno secondo semestre, quello che si apre dopo le vacanze di Natale e si chiude a inizio maggio e, non avendo alcuna prospettiva sui tempi per la ripresa della lezioni in aula, non hanno potuto far altro che precipitarsi a mettere a punto un piano B: i corsi online. 

Organizzarsi per tenere un corso online per la prima volta di solito richiede diversi mesi. Le università internazionali in Cina lo ha fatto in meno di tre settimane.

“È stato molto stressante, ma allo stesso tempo ci ha uniti”, ha detto a ‘Inside Higher Education’ Clay Shirky, vicepresidente per le tecnologie educative alla New York University, che ha aiutato i colleghi della New York Shanghai a lanciare i loro corsi online. “Ci è voluto del tempo per renderci conto che avevamo davvero bisogno di spostare il semestre online”, ha detto. “Guardando indietro, vorrei che avessimo telefonato un po ‘prima.”

Più rapida è stata la decisione presa dai vertici della Duke insieme con quelli della DKU. Non appena è stato chiaro che le lezioni nel campus ultramoderno di Kunshan non sarebbero riprese  il 3 febbraio, come previsto, Matthew Rascoff, responsabile dell’e-learning si è sentito dire che entro tre settimane doveva essere tutto pronto per passare alla modalità online. Un’impresa, con 579 studenti universitari e più di 100 docenti sparsi in ogni parte della Cina e del mondo, con  fusi orari diversi e con diversi livelli di accesso a Internet.

coronavirus universita lezioni online
© Ugo Barbàra / Agi
Un corridoio degli alloggi della Duke Kunshan University

“La pressione era altissima”, ha detto Rascoff al giornale online dell’università. “Ma la Duke è attrezzata per farlo. Abbiamo impiegato anni a costruire le infrastrutture per rispondere a una crisi “. Sette anni, per l’esattezza, durante i quali i docenti hanno messo a punto oltre 60 corsi online, tenendo conto di come ogni materia segue diversi principi di apprendimento e sforzandosi di creare gruppi partecipativi e coinvolgenti.

Innanzitutto sono stati identificati gli obiettivi da raggiungere in termini di apprendimento e da lì si è partiti per mettere a punto i materiali dei corsi, gli esercizi, i compiti e gli esami. Il 24 febbraio sono andate online le prime lezioni e studenti da decine di Paesi – sei dal’Italia – si sono connessi per seguirle. “La tecnologia è un fattore abilitante, ma la chiave è l’interazione umana” ha detto Rascoff, “Faccia a faccia o online, stiamo cercando di far sì che la base sia sempre il bon insegnamento e apprendimento basato sull’esperienza”.

Il primo obiettivo era completare il corso di sette settimane interrotto dalle vacanze con lezioni in diretta sulla piattaforma di videoconferenza Zoom e il sistema di gestione dell’apprendimento Sakai per i materiali, gli esami e le discussioni in bacheca insieme con la piattaforma di apprendimento di Coursera.

Le biblioteche di Duke e Duke Kunshan concedono in licenza risorse elettroniche a studenti e docenti che non hanno accesso ai propri libri o biblioteche. La Duke ha portato a Durham, in North Carolina, molti insegnanti della Duke Kunshan che erano sparsi in tutto il mondo, per preparare le lezioni online.

Alla NYU Shanghai fino le cose stanno andando “sorprendentemente bene”, ha detto Jace Hargis, direttore del Centro di insegnamento e apprendimento della New York University. Ha seguito da vicino i progressi da quando sono iniziate le lezioni online, il 17 febbraio. “Il feedback iniziale degli studenti è stato buono, e i docenti riferiscono di sentirsi sempre più fiduciosi nella loro capacità di insegnare online anche se la stragrande maggioranza dei docenti – l’88% – non aveva avuto esperienze significative nell’insegnamento online in precedenza”.

Con docenti e studenti sparsi in tutto il mondo, lavorare in diversi fusi orari è stato impegnativo, ma non impossibile, ha affermato Hargis. “Dieci anni fa, non saremmo stati in grado di farlo: non c’era la  tecnologia”, ha detto. Internet ad alta velocità e progressi nella tecnologia di videoconferenza hanno reso la comunicazione molto più semplice. Attraverso webinar, risorse online appositamente create, consultazioni individuali, orari di apertura degli uffici online e molte, molte e-mail, un team internazionale ha lavorato con la facoltà di New York Shanghai per spostare quasi 500 lezioni online.

Le sessioni di formazione si sono concentrate sull’insegnamento ai docenti dell’uso delle due piattaforme di condivisione video, Zoom e VoiceThread, strumenti che consentono di insegnare in modo sincrono o asincrono. Per ridurre il carico di lavoro, la facoltà è stata incoraggiata a concentrarsi sulla preparazione delle prime due settimane del semestre di 14 settimane. Facoltà e studenti hanno accesso a un servizio di chat che funziona per 16 ore al giorno se hanno domande o hanno bisogno di aiuto.

Alla Fort Hays State University, che in Cina offre diversi corsi di laurea attraverso due istituzioni partner, si è lavorato per garantire che i contenuti online fossero accessibili a tutti gli studenti e su tutti i device. “Abbiamo dato priorità all’ottimizzazione per i dispositivi mobili: portatili, tablet e smartphone”, ha detto Andrew Feldstein, assistente preposto per l’insegnamento dell’innovazione e delle tecnologie di apprendimento all’università, “La prima cosa che ho pensato quando ho sentito che i campus erano chiusi era che questa poteva essere una vera opportunità”, ha detto Feldstein. “Spesso siamo rallentati da processi che non ci mettono nemmeno più in discussione. Questo ci ha permesso di guardare tutto sotto una nuova luce.”


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE