fbpx

Politica

La Democrazia Cristiana, conscia dello straordinario sacrificio messo in atto da tanti medici, infermieri, operatori sanitari e forze dell’ordine, nella prova di generosità che da circa due mesi li sta impegnando nella lotta al covid_19, immolando la propria vita per salvare quella degli altri, ha avanzato richiesta al Presidente della Repubblica Sergio Mattarella per il conferimento della MEDAGLIA D’ORO quale riconoscimento della nazione per il supremo sacrificio.

Accogliendo il messaggio del Santo Padre, avanzeremo anche un riconoscimento civile, oltre quello religioso ottenuto da Papa Francesco, per i tanti ecclesiastici che non hanno fatto mancare la loro opera a sostegno delle migliaia di  ammalati, soprattutto portando una parola di conforto per quelli che hanno abbandonato la vita terrena senza il conforto dei propri cari.

La nostra richiesta interpreta, sicuramente, i sentimenti di tutti gli Italiani, e noi non demorderemo fino a quando non si sarà addivenuto al giusto riconoscimento, proponendo, altresì, pari riconoscimento per tutti gli altri eroi dell’età contemporanea, assegnando il riconoscimento agli Ordini Professionali, per tutti i medici e infermieri che stanno ancora combattendo e, che riusciranno a salvare anche la loro vita, dopo aver salvato quella degli altri.

Contiamo sul Vostro sostegno per vincere questa battaglia di civiltà. Grazie per quello che farete.

Si allega alla presente la richiesta avanzata al presidente della Repubblica On. Sergio Mattarella.

Il Segretario Nazionale           –        Dott. Angelo Sandri   

Il V.Presidente Nazionale  –             Prof. Alessandro Calabrese 

La lettera inviata al Presidente Mattarella                         

Al Presidente della Repubblica

On. le Sergio MATTARELLA

Palazzo del Quirinale – Piazza del Quirinale                               

00187 ROMA 

Signor Presidente,

la Democrazia Cristiana pone alla Sua illuminata attenzione una vicenda che, senza ombra di dubbio, l’ha già vista protagonista di sacrosanti riconoscimenti e attenzioni, riportando sentimenti propri e interpretando i sentimenti degli italiani per quanto concerne la pandemia da coronavirus.

A distanza di poco più di quarantacinque giorni, l’Italia e particolarmente alcune regioni del Nord stanno combattendo una battaglia eroica nei confronti di un nemico subdolo e invisibile, pagando un prezzo altissimo in termine di vite umane, superiori a qualsiasi altro attacco epidemico o pandemico che dir si voglia.

I medici, gli infermieri e tutti gli operatori sanitari stanno scrivendo pagine eroiche della nostra storia contemporanea. Uomini e donne che stanno compiendo imprese fuori dal comune, in silenzio, con amore, autentica abnegazione e passione per il proprio lavoro.

Il sacrificio che stanno compiendo, Signor Presidente, è proprio dei martiri, in particolare per il sacrificarsi volontariamente con piena coscienza dei pericoli cui si  vanno incontro, per un alto ideale di una generosa causa, come quella di salvare vite umane.

Continua a crescere il numero di medici, infermieri, personale sanitario, forze dell’ordine, vittime del dovere e che – impegnati nella lotta al coronavirus – perdono la propria per strappare alla morte più vite umane possibili.

La Democrazia Cristiana ritiene che il Paese non possa lasciare solo al ricordo umano, peraltro labile, questi straordinari sacrifici, ma l’Italia deve essere vicina alle mogli, ai mariti, ai figli alle madri di questi valorosi che stanno scrivendo pagine gloriose della nostra storia, soprattutto perché combattono contro un nemico invisibile e pericoloso.

La vita donata da costoro è per la Patria e, a nostro sommesso avviso, Signor Presidente, la Patria degnamente rappresentata da Ella, dovrebbe dare e lasciare una tangibile testimonianza per i posteri di questo sacrificio.

La storia e gli ideali della Democrazia Cristiana, certamente a Ella ben noti, ci portano a chiederLe con umiltà di prendere in considerazione il conferimento della medaglia d’oro al valor civile per i medici, gli infermieri, gli operati sanitari, le forze dell’ordine che a vario titolo stanno donando la loro vita per la Patria.

Voglia, Signor Presidente, considerare anche l’opera straordinaria che stanno compiendo tutti gli operatori superstiti, che continuando la lotta riusciranno a salvare altre vite umane e salvare, ce lo auguriamo tutti, anche la loro.

Signor Presidente, grazie per quello che riterrà più opportuno fare.

Potrebbe essere un gesto da consegnare alla storia tremenda che stiamo vivendo, nostro malgrado, in questo momento. Un riconoscimento che potrà essere d’esempio per le attuali e le future generazioni.

Le famiglie dei caduti potrebbero trovare un ristoro sapendo che un loro caro ha donato la propria vita alla Patria per salvare altre vite umane. Il livello più alto della Nobiltà d’animo.

Siamo certi, apprezzandone la Sua storia, le Sue radici cristiane e il ruolo che Le attribuisce la Costituzione repubblicana, che riuscirà ad accogliere la nostra richiesta per un riconoscimento meritato sul campo e pagato con il bene più prezioso riconosciuto alla persona umana, la vita.

Roma, 7 aprile 2020                                                                                                                                                                 

 Il Segretario Nazionale  Dott.Angelo Sandri  

Il V.Presidente Nazionale        Prof. Alessandro Calabrese

Coord.Segreteria Nazionale   Comm.Rodolfo Concordia   

Coord.Segreteria Nazionale   Rag.ra Clara Funiciello  

Segr.Naz.Comunicazione        Dott. Massimo Basile 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE