fbpx

La prova dell’unione

Politica

Questa Pandemia ha, tra l’altro, scoperto il “bubbone”. L’Unione Europea (UE) ha da trovare, e adottare, soluzioni per salvare l’economia degli Stati Stellati; cominciando da quelli più a rischio. Tra questi l’Italia. E’ indispensabile trovare un meccanismo che “congeli” i debiti e favorisca i crediti. Con una “scaletta” prioritaria dove si trova la Grecia, la Spagna e, com’è noto, l’Italia.

 Il Covid-19 ha solo accelerato i tempi di un’economia europea sofferente e da rivedere in toto. Il problema, per sua natura, è complesso; anche perché non è per nulla facile mettere d’accordo i ventisette Paesi dell’Unione. La via del compromesso, al momento, sembrerebbe l’unica da seguire. Ogni Stato membro ha i suoi problemi interni; ma il quadro economico generale deve interessare tutti. La moneta unica resta la garanzia per ridare all’economia stellata il ruolo che le spetta.

Fuori dall’Unione c’è solo un sistema che tenderebbe a colpire proprio in Paesi economicamente più deboli. Tra questi anche l’Italia. La Pandemia, ove non fosse stato chiaro, andrà a favorire la speculazione. Fuori dall’UE non ci sarebbe futuro anche dopo l’eradicazione virale. Il Consiglio d’Europa ha i mezzi per far fronte a questa “depressione”. I vantaggi, anche se non da subito, ci saranno. Gli svantaggi, da mettere in conto, saranno riequilibrati in seguito.

Non è solo l’Italia economicamente con le spalle al muro. Lo è l’Unione. Dalla depressione se ne potrà uscire solo congiuntamente. La coerenza ha da essere europea e non correlata alle necessità dei singoli Paesi membri. Rimanere isolati è pericoloso; ma non solo per noi.

 In questo funesto 2020, nessun Paese UE potrà contare su un futuro migliore da solo. I valori comunitari, a ben osservare, rispecchiano anche gli interessi dei singoli Stati membri. A nostro avviso, è giunto il momento per mettere alla prova dei fatti la coerenza dell’Europa Stellata. In caso contrario, dalla crisi socio/econmica non se ne esce.

Giorgio Brignola

redazione@corrierenazionale.net


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE