fbpx

Dopo la vittoria in Francia, riusciranno i Verdi a pesare sul “dopo Covid” in Europa? 

Senza categoria

Si sono aggiudicati le più grandi città francesi, fanno parte dei governi di 5 paesi Ue, ma in molti paesi e in Italia restano poco influenti

 

 Ex eurodeputata ed ex presidente dei Verdi Europei, Monica Frassoni saluta il successo francese del Movimento

La vittoria dei Verdi alle municipali in Francia non ha soltanto riportato al centro del dibattito politico le istanze ambientaliste, che parevano passate in secondo piano rispetto alle urgenze della ripresa economica post Covid-19. Gli elettori hanno consacrato con il loro voto anche l’assenza di un’alternativa di sinistra al macronismo al potere e anche alla destra, dimostrando al tempo stesso un’inaspettata sensibilità “climatica” per le modalità da adottare nella fase del rilancio economico del paese.

E’ stato apparentemente smentito, almeno in Francia, chi sosteneva che le priorità della ripartenza potevano prevalere sugli obiettivi climatici. Proprio quando le manifestazioni dei giovani seguaci di Greta Thunberg stavano cominciando ad ottenere qualche risultato e ascolto, era la teoria, è arrivato qualcosa di talmente più urgente da far dimenticare i “Fridays for Future” e l’emergenza climatica. Al contrario, una delle principali preoccupazioni dei francesi riguarda proprio l’ambiente, assieme a quelle della sicurezza sociale e del potere di acquisto, secondo gli ultimi sondaggi, e si sta facendo strada una consapevolezza sull’opportunità, nel dover rivedere i meccanismi sociali ed economici, di farlo in modo “sostenibile”.  

Il risultato, ottenuto alle elezioni locali dopo il fiasco delle presidenziali e il buon risultato delle Europee, ripropone anche in Francia una situazione alla tedesca, dove la maggior parte dei “laender” sono governati dai verdi che invece non partecipano alla “grosse koalition” della cancelliera Angela Merkel.

Monica Frassoni, ex presidente dei Verdi europei, saluta con entusiasmo il risultato francese e spiega, da attenta osservatrice dei diversi andamenti delle forze ambientaliste nei paesi europei, quali sono i punti di forza e differenze fra paesi che caratterizzano il movimento. 

“C’è una questione che riguarda la leadership. In Francia si sa a malapena chi è il segretario del partito che ha vinto ieri in tante città. Si chiama Julien Bayou e ieri ha commentato la vittoria del suo partito con un bel discorso ricco di contenuti, responsabile e per nulla trionfalistico”, ha spiegato all’Agi l’esponente dei Verdi e presidente del Consiglio comunale di Ixelles, nella capitale belga. La situazione è molto diversa da paese a paese: in qualche caso, come in Germania, sottolinea Frassoni, “la forza elettorale a livello locale si trasmette anche a un livello nazionale, influenzando le scelte del governo centrale. Il cambiamento della strategia europea di Merkel deve molto al lavoro dei Verdi tedeschi – prosegue l’ex europarlamentare – Questo passaggio da locale a nazionale in Francia non si vede”, anche se oggi il presidente francese Emmanuel Macron, fresco di sconfitta, ha annunciato agli esponenti della Convenzione per il clima nuovi investimenti pubblici da 15 miliardi per la “conversione ecologica”.

Un elemento che ha determinato la vittoria verde di ieri è la doppia appartenenza civile e politica di molti dei candidati di successo. “In Francia a differenza che in Italia, agli esponenti della società civile non dispiace fare politica. Tutti i vincitori sono politici verdi con una forte connotazione di impegno civile: medici, avvocati, impegnati nelle Ong, ma militanti ambientalisti, ed è così anche in Germania”.

Un’altra caratteristica che differenzia la partecipazione dei movimenti Verdi alla politica nei paesi in cui hanno successo è la disponibilità a far parte di coalizioni di governo. “Ci sono 5 paesi Ue guidati da coalizioni di cui fanno parte i verdi”. L’ultima in ordine di tempo è l’Irlanda,  che nei giorni scorsi ha finalmente, dopo alcuni mesi di trattative, messo insieme una maggioranza di governo, con una coalizione di cui fanno parte i Verdi che hanno accettato (con un voto dei militanti) di sostenere i partiti di centrodestra Fianna Fail e Fine Gael.

E’ un approccio pragmatico, seguito anche negli altri 4 paesi in cui gli ambientalisti, dopo aver ottenuto buoni risultati elettorali, sono stati inclusi nelle maggioranze al potere: in Svezia, i Socialdemocratici e i Verdi governano con l’appoggio esterno di Partito di Centro, Partito della Sinistra e Liberali. In Finlandia, da quasi 7 mesi la socialdemocratica Sanna Marin guida un governo che comprende anche Alleanza di Sinistra, Lega Verde, Partito di Centro e Partito popolare. In Austria, il conservatore Sebastian Kurz guida un governo di coalizione con i Verdi, che hanno il posto di vicecancelliere e vari ministeri fra i quali quello dell’Ambiente e delle Infrastrutture. In Lussemburgo, infine, la coalizione di governo del dopo Juncker, ovvero dal 2013, è composta da Partito democratico, partito socialista operaio e Verdi: è detta Gambia perché il rosso, blu e verde dei rispettivi simboli formano la bandiera del paese africano.

“In questi paesi, ma anche in altri, i Verdi e i voti che portano in dote sono considerati sia da sinistra che da destra una forza politica dalla quale si può avere un sostegno oltre che un contributo costruttivo alle scelte politiche – osserva Frassoni – In questi paesi in cui c’è un dibattito politico sulle questioni serie non sulle ideologie. I Verdi francesi hanno ottenuti risultati bassissimi alle ultime presidenziali e mentre sono andati molto bene alle europee. Lo stesso è successo in Belgio, dove governano alcune importanti regioni come Vallonia e Bruxelles e sono in trattativa anche per il governo centrale”.

Oltre che in 5 governi e in molte amministrazioni locali, i Verdi hanno avuto un buon risultato alle elezioni europee dell’anno scorso: nonostante solo 16 dei 27 paesi ne abbiano eletto i componenti (l’Italia per esempio non ne ha mandato nemmeno uno), con i suoi 74 deputati il gruppo dei Verdi/Alleanza libera europea è la quarta forza politica del Parlamento europeo


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE